David Bowie – The next day ( cd – 2lp )

marzo 14, 2013 at 11:12 am Lascia un commento

E dunque, da dove si può ricominciare? Non v’è dubbio che le vicende di David Bowie sono di quelle che farebbero la gioia di uno sceneggiatore: la storia, infatti, potrebbe ripartire dall’ultimo album ufficiale, eufemisticamente così così e dal quale ci separa ormai un decennio, ma anche dalla brusca interruzione del tour che ne è seguito, condita da inequivocabili segnali di una salute in pericolo. Si potrebbe anche saltare tutto a pie’ pari, e scegliere come incipit per il nuovo racconto il classico porto sicuro di Ziggy truccato che fa scandalizzare il mondo, e ancora quello del tormentato paladino berlinese, oltretutto evocato nei frame del primo videoclip di questo nuovo lavoro. Partiremo invece da un’ulteriore declinazione del concetto di vita come opera d’arte, dal Dorian Gray interpretato nell’antico clip di “Look Back In Anger”, con il tempo che arriva a riprendersi in un istante una giovinezza che si riteneva eterna. L’immagine e la musica di questa ennesima reincarnazione – avvalorate dal singolo “Where are we now?” che ha anticipato di due mesi questa uscita – sembravano suggerire la presa d’atto dell’essere umano che getta la maschera e che, in splendida malinconia, piega il capo verso il crepuscolo. Tutto drammaticamente realistico, peccato che l’ascolto di “The Next Day” faccia sorgere il sospetto che il vecchio Duca Bianco ci abbia fregato ancora. O meglio, se da un lato è difficile pensare a una mera finzione, viste le vicissitudini troppo pesanti per essere soprassedute, dall’altro esce la figura di un artista tutt’altro che dimesso, con voglia e ispirazione sufficienti per stupire, e non certo con armi tali da suscitare compassione.

Ripieghiamo dunque i fazzoletti nel taschino, perché Bowie ci invita sulle strade delle sue nuove visioni, per un viaggio di inaspettata freschezza, in cui l’autocitazione non è la meta ma il mezzo per procedere spedito sulle ali di una rinnovata creatività. Non accadeva da troppo tempo, almeno per la durata di un intero disco, e nemmeno lo si poteva ragionevolmente immaginare, invece è successo. E’ successo che David Bowie ha radunato i partner che lo hanno seguito negli anni precedenti la sua sparizione, Tony Visconti in primis, li ha messi in sala d’incisione e, nel riserbo più assoluto, ha sfoderato un piglio che non gli si riconosceva dai tempi dell’accoppiata elettronica “Outside”- “Earthling”. Da “Hours” a seguire, abbiamo assistito a un riavvicinamento a stilemi rock che, a vario titolo, presentavano più di una carenza; certo, fatta eccezione per il pessimo “Reality”, non sono mancati i colpi di classe, ma la continuità sembrava per sempre smarrita: “The Next Day” recupera a mo’ di compendio le tante stagioni passate, le scompone e ricompone, rimodellandole a nuovo.
Il rock’n’Bowie viene fuori sin dall’inizio con la title track, che rispolvera tanto per gradire la sezione ritmica di “Lodger”, il crooning di “Beauty And The Beast” da “Heroes”, e le chitarre frippiane di “It’s No Game” da “Scary Monsters” per cancellare, in poco più di tre minuti, anni di silenzi, indecisioni, ma pure quella sensazione da gloriosi titoli di coda suscitata da “Where Are We Now?”. E così, mentre “Dirty Boys” rispolvera i sax malati della Berlino decadente per un fugace omaggio al sodalizio con Iggy Pop, il secondo singolo “The Stars (Are Out Tonight)” si posiziona verso frequenze epiche, appena smezzate da un’escursione fugace del brigde dalle parti dei Roxy Music di “If There Is Something?” (guarda caso già coverizzata ai tempi dei Tin Machine).

Con “Valentine’s Day”, Bowie si fa pop e recupera in modo convinto il suo pathos più malinconico, e poi con “If You Can See Me” fa capolino – sempre in chiave rock – fra le pulsioni drum’n bass che furono di “Earthling”, mentre in “I’d Rather Be High” diventa così affilato da lambire la psichedelia robotica immortalata da John Foxx nel suo purtroppo semi-ignorato “The Golden Section”. “Dancing Out In Space” gioca sui ritmi pari sciorinando chitarra e ritornello di quelli che restano sin dal primo ascolto, mentre “How Does The Grass Grow” gioca direttamente con l’ascoltatore, proponendo – bizzarramente travestiti – un incipit alla “Boys Keep Swinging”, gli accordi di “V-2 Schneider” e, udite, il ritornello di “Apache”, lo storico strumentale sixties degli Shadows (ma lasciateci citare anche l’epica cover di Rockets, dal loro album d’esordio). Sempre a proposito di anni 60, eccoci a “You Feel So Lonely You Could Die” che potrebbe far parte del repertorio di uno Scott Walker d’annata (ma la citazione finale è alla batteria della sua “Five Years”), anticipata dal metallo lavorato di “(You Will) Set the World On Fire” – il pezzo che non è mai riuscito a scrivere per i Tin Machine – e seguita dall’esplicito tributo allo Scott Walker più recente e sperimentale di “Climate Of Hunter”, con “Heat”, a chiudere l’effervescente girandola di “remakes & remodels” di questo disco.
Quando si dice un gran bel ritorno.

Marco Bercella (www.ondarock.it)

Annunci

Entry filed under: News Musica, Recensioni Musica.

Chelsea Light Moving – Chelsea Light Moving ( cd – lp ) Un’estate da giganti di Bouli Lanners ( dvd )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
marzo: 2013
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Blog Stats

  • 134,445 hits

Commenti recenti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: