Archive for novembre, 2012

Fabrizio De Andrè – I Concerti ( libro + 16 cd )

Il 13 novembre è uscito I concerti ( Nuvole Production/Sony Music), la raccolta completa degli 8 tour di Fabrizio De Andrè in 16 dischi: il racconto della sua crescita umana e artistica in un libro-cofanetto da collezione, un reperto storico e artistico eccezionale per tutti gli amanti di Faber e della musica d’autore.

Completa il racconto della persona e dell’artista che è stato Fabrizio De Andrè un libro illustrato a colori di 192 pagine con la riproduzione degli schizzi originali dei palchi, foto di scena, di backstage e d’archivio mai pubblicate, i memorabilia più significativi (come biglietti e manifesti dei concerti nelle varie città), manoscritti e appunti: vere “chicche” per chi ha vissuto almeno un concerto del cantautore genovese e un regalo per chi invece non ha potuto esserci.

I concerti raccoglie per la prima volta tutti i live inediti di Fabrizio De Andrè in 16 dischi ricchi di rarità. Un appuntamento discografico eccezionale dedicato agli 8 tour di Faber, dall’esordio del 1975/76 all’ultimo Mi innamoravo di tutto del 1997/98. Due dischi per ogni leggendaria tournée che ricreano atmosfere di eventi unici come il debutto a La Bussola del 15 marzo 1975, le battute e i parlati di De Andrè pronunciati nel corso di quasi 25 anni di esibizioni dal vivo, le esecuzioni di brani famosi in versione inedita.

Un’occasione unica che propone il meglio delle date dei seguenti tour:

1975/76 “La Bussola – Storia di un impiegato” 1978/79 “+ PFM” 1981/82 “L’indiano” 1984 “Crêuza de mä” 1991 “Le nuvole” 1992/93 “In teatro” 1997 “Anime salve” 1997/98 “Mi innamoravo di tutto”

CD 1
1 Canzone Dell’Amore Perduto live con i New Trolls
2 Nancy live con i New Trolls
3 Via Della Povertà live con i New Trolls
4 Le Passanti live con i New Trolls
5 Oceano live con i New Trolls
6 Presentazione band live con i New Trolls
7 Canzone Per L’Estate live con i New Trolls
8 Presentazione ‘Amico Fragile’ live con i New Trolls
9 Amico Fragile live con i New Trolls
10 Presentazione 200 pezzi live con i New Trolls
11 Il Pescatore live con i New Trolls
12 La Ballata Del Miché live con i New Trolls
13 Presentazione ‘Il testamento di Tito’ live con i New Trolls
14 Il Testamento Di Tito live con i New Trolls
15 Via Del Campo live con i New Trolls
16 Discorso live con i New Trolls
17 La Canzone Di Marinella live con i New Trolls
18 Canzone Del Maggio live con i New Trolls
19 Introduzione live con i New Trolls
20 Canzone Del Maggio live con i New Trolls

CD 2
1 La Bomba In Test live con i New Trolls
2 Al Ballo Mascherato live con i New Trolls
3 Sogno Numero Due live con i New Trolls
4 La Canzone Del Padre live con i New Trolls
5 Il Bombarolo live con i New Trolls
6 Verranno A Chiederti Del Nostro Amore live con i New Trolls
7 Nella Mia Ora Di Libertà live con i New Trolls
8 Presentazione ‘Un Giudice’ live con i New Trolls
9 Un Giudice live con i New Trolls
10 Presentazione ‘La guerra di Piero’ live con i New Trolls
11 La Guerra Di Piero live con i New Trolls
12 Presentazione band live con i New Trolls
13 Presentazione ‘La cattiva strada’ live con i New Trolls
14 La Cattiva Strada live con i New Trolls
15 Via Della Povertà live con i New Trolls

CD 3
1 Bocca Di Rosa Live remastered 2007
2 Andrea Live remastered 2007
3 Giugno ’73 Live remastered 2007
4 Un Giudice Live remastered 2007
5 La Guerra Di Piero Live remastered 2007
6 Il Pescatore Live remastered 2007
7 Zirichitaggia Live remastered 2007
8 La Canzone Di Marinella Live remastered 2007
9 Volta La Carta Live remastered 2007
10 Amico Fragile Live remastered 2007

CD 4
1 Avventura A Durango Live remastered 2007
2 Presentazione Live remastered 2007
3 Sally Live remastered 2007
4 Verranno A Chiederti Del Nostro Amore Live remastered 2007
5 Rimini Live remastered 2007
6 Via Del Campo Live remastered 2007
7 Maria Nella Bottega Del Falegname Live remastered 2007
8 Il Testamento Di Tito Live remastered 2007
9 Contestazione Roma Palaeur Parte 1
Andrea
Il testamento di Tito
10 Contestazione Roma Palaeur Parte 2
Amico fragile music underlaying words
11 Contestazione Roma Palaeur Parte 3
Rimini music underlaying words
12 Contestazione Roma palaeur Parte 4

CD 5
1 Quello Che Non Ho live tour ’L’Indiano’
2 Canto Del Servo Pastore live tour ’L’Indiano’
3 Fiume Sand Creek live tour ’L’Indiano’
4 Hotel Supramonte live tour ’L’Indiano’
5 Franziska live tour ’L’Indiano’
6 Se Ti Tagliassero A Pezzetti live tour ’L’Indiano’
7 Verdi Pascoli live tour ’L’Indiano’
8 Presentazione band live tour ’L’Indiano’
9 La Guerra Di Piero live tour ’L’Indiano’

CD 6
1 Bocca Di Rosa live tour ’L’Indiano’
2 Giugno ‘73 live tour ’L’Indiano’
3 Amico Fragile live tour ’L’Indiano’
4 La Cattiva Strada live tour ’L’Indiano’
5 Via Del Campo live tour ’L’Indiano’
6 Andrea live tour ’L’Indiano’
7 Avventura A Durango live tour ’L’Indiano’
8 Il Pescatore live tour ’L’Indiano’

CD 7
1 Creuza de Ma live Creuza de ma
2 Jamin-a live Creuza de ma
3 Sidun live Creuza de ma
4 La guerra di Piero live Creuza de ma
5 Parlato ‘Antologia scolastica’ live Creuza de ma
6 Quello che non ho live Creuza de ma
7 Fiume sand creek live Creuza de ma
8 Hotel Supramonte live Creuza de ma
9 Franziska live Creuza de ma

CD 8
1 Parlato ‘Idioma’ live Creuza de ma
2 ‘A Pittima live Creuza de ma
3 Presentazione Sinan live Creuza de ma
4 Sinan Capudan Pascià live Creuza de ma
5 Presentazione ’A Dumenega’ live Creuza de ma
6 A Dumenega live Creuza de ma
7 Giugno ’73 live Creuza de ma
8 Bocca di rosa live Creuza de ma
9 Via del campo live Creuza de ma
10 Amico fragile live Creuza de ma

CD 9
1 Le Nuvole live Le Nuvole
2 Ottocento live Le Nuvole
3 Intermezzo live Le Nuvole
4 Don Rafaè live Le Nuvole
5 Intermezzo live Le Nuvole
6 La Domenica delle salme live Le Nuvole
7 Andrea live Le Nuvole
8 Presentazione Indiano live Le Nuvole
9 Hotel Supramonte live Le Nuvole
10 Se ti tagliassero a pezzetti live Le Nuvole
11 Fiume Sand Creek live Le Nuvole
12 Giugno ’73 live Le Nuvole
13 Amico fragile live Le Nuvole

CD 10
1 Creuza de ma live Le Nuvole
2 Jamin a live Le Nuvole
3 Sidun live Le Nuvole
4 Gag accordatura live Le Nuvole
5 La canzone di Marinella live Le Nuvole
6 La Guerra di Piero live Le Nuvole
7 Bocca di rosa live Le Nuvole
8 Megu Megun live Le Nuvole
9 Presentazione band live Le Nuvole
10 A Dumenega live Le Nuvole
11 Presentazione ‘Il Gorilla’ live Le Nuvole
12 Il Gorilla live Le Nuvole
13 Presentazione Bis live Le Nuvole
14 Don Rafaè live Le Nuvole
15 Le Nuvole (Strumentale) live Le Nuvole

CD 11
1 L’Infanzia Di Maria live tour ‘In Teatro’
2 Tre Madri live tour ‘In Teatro’
3 Jamin-A live tour ‘In Teatro’
4 Nancy live tour ‘In Teatro’
5 Giovanna D’Arco live tour ‘In Teatro’
6 Parlato “Le traduzioni” live tour ‘In Teatro’
7 Franziska live tour ‘In Teatro’
8 Le Passanti live tour ‘In Teatro’
9 Parlato “Le donne” live tour ‘In Teatro’
10 Via Del Campo live tour ‘In Teatro’
11 La Canzone Di Marinella live tour ‘In Teatro’
12 Bocca Di Rosa live tour ‘In Teatro’

CD 12
1 Megu Megun live tour ‘In Teatro’
2 ‘A Pittima live tour ’In Teatro’
3 Sinan Capudan Pascià live tour ‘In Teatro’
4 Parlato “Idiomi” live tour ‘In Teatro’
5 Presentazione live tour ‘In Teatro’
6 La Ballata Del Miché live tour ‘In Teatro’
7 Amico Fragile live tour ‘In Teatro’
8 I carbonari live tour ‘In Teatro’
9 Presentazione live tour ‘In Teatro’
10 Il Gorilla live tour ‘In Teatro’
11 Don Raffaè live tour ‘In Teatro’
12 La Guerra Di Piero live tour ‘In Teatro’
13 Fiume Sand Creek live tour ‘In Teatro’
14 Presentazioni band live tour ‘In Teatro’
15 Il Pescatore live tour ‘In Teatro’
16 Sidun live tour ‘In Teatro’
17 Presentazione live tour ‘In Teatro’
18 Andrea live tour ‘In Teatro’

CD 13
1 Princesa live tour ‘Anime Salve’
2 Khorakhanè live tour ‘Anime Salve’
3 Anime Salve live tour ‘Anime Salve’
4 Presentazione “Elogio alla Solutidine” live tour ‘Anime Salve’
5 Presentazione “Dolcenera” live tour ‘Anime Salve’
6 Dolcenera live tour ‘Anime Salve’
7 Le Acciughe Fanno Il Pallone live tour ‘Anime Salve’
8 Presentazione “Disamistade” live tour ‘Anime Salve’
9 Disamistade live tour ‘Anime Salve’
10 A Cumba live tour ‘Anime Salve’
11 Ho Visto Nina Volare live tour ‘Anime Salve’
12 Presentazione “Smisurata Preghiera” live tour ‘Anime Salve’
13 Smisurata Preghiera live tour ‘Anime Salve’
14 Presentazione “Canzoni al pesto” live tour ‘Anime Salve’
15 Creuza De Ma live tour ‘Anime Salve’
16 Jamin-A live tour ‘Anime Salve’

CD 14
1 Presentazione Cristiano De Andrè live tour ‘Anime Salve’
2 Invincibili live tour ‘Anime Salve’
3 Presentazione “Cose che Dimentico” Cristiano De Andrè live tour ‘Anime Salve’
4 Cose Che Dimentico live tour ‘Anime Salve’
5 Parlato “Canzoni Storiche” live tour ‘Anime Salve’
6 Bocca Di Rosa live tour ‘Anime Salve’
7 Via Del Campo live tour ‘Anime Salve’
8 Megu Megun live tour ‘Anime Salve’
9 Presentazione Band live tour ‘Anime Salve’
10 Presentazione “Sinan Capudan Pascià” live tour ‘Anime Salve’
11 Sinan Capudan Pascià live tour ‘Anime Salve’
12 Hotel Supramonte live tour ‘Anime Salve’
13 Don Raffaè live tour ‘Anime Salve’
14 Andrea live tour ‘Anime Salve’
15 La Canzone Di Marinella live tour ‘Anime Salve’
16 Fiume Sand Creek live tour ‘Anime Salve’

CD 15
1 Creuza de ma live
2 Jamin-A live
3 Sidun live
4 Parlato Genova e Mediterraneo live
5 Princesa live
6 Khorakhanè live A Forza Di Essere Vento
7 Anime salve live
8 Dolcenera live
9 Le acciughe fanno il pallone live
10 Disamistade live
11 A Cumba live
12 Ho visto Nina volare live
13 Smisurata preghiera live

CD 16
1 Notti di Genova live
2 Presentazione Buona Novella live
3 L’Infanzia di Maria live
4 Ritorno di Giuseppe live
5 Il sogno di Maria live
6 tre Madri live
7 Il testamento di Tito live
8 Discorso esami universitari live
9 La Città vecchia live
10 Presentazione Band live
11 Fiume Sand Creek live
12 Geordie live
13 presentazione Marinella live
14 La Canzone di Marinella live
15 Volta la carta live

Annunci

novembre 30, 2012 at 7:57 pm 6 commenti

Le paludi della morte di Ami Canaan Mann ( dvd e b-ray )

Texas City. Mike e Brian sono due agenti della omicidi, alle prese con un serial killer che abbandona i corpi straziati delle sue vittime, alcune delle quali giovanissime, in un’area paludosa e maledetta: i cosidetti “killing fields”. Nonostante la scena del crimine sia fuori dalla loro giurisdizione, e Mike inizialmente cerchi di convincere il collega a lasciar perdere, l’agente Brian si sente in dovere di indagare su quei terribili delitti e fermare l’assassino. Quando sparisce Anne, la ragazzina del posto che Brian ha preso sotto la sua protezione quasi fosse una figlia, inizia una lotta contro il tempo e un viaggio anche metaforico nelle oscure e fangose paludi della società americana.
Dopo il successo di critica di Morning, la figlia di Michael Mann riprende l’idea del viaggio esistenziale ma la inscrive senza sbavature nel quadro di un genere tra i più esigenti e regolati quale è il poliziesco. La regia è solida e robusta, per quanto lontana dal riscrivere in qualsiasi modo i contorni della specie d’appartenenza. La scrittura è più ordinaria, non solo negli snodi narrativi ma soprattutto nei dialoghi. Il film funziona al meglio, allora, dove non servono troppe parole, come nella costruzione dell’incontro/confronto tra i due protagonisti, che la figura femminile affidata a Jessica Chastain per una volta contribuisce ad unire anziché a dividere. Inquieti ed eccitabili, costretti ad un costante faccia a faccia con la possibilità della morte, i due detectives sono nel posto giusto con le facce giuste: quelle di Worthington e Dean Morgan, credibili come concentrati di tensioni esasperate -tensione morale, tensione religiosa messa alla prova, tensione nervosa-, più di quanto lo sia la brava Chastain quando mena il pugno.
Nonostante questo genere di racconto sia tra i più classici e mappati (e la mappa è anche un oggetto importante del film, con le sue foto di vite scomparse nel nulla), l’autrice non si appoggia a schemi di regia troppo standardizzati e sa farci entrare nel territorio d’indagine attraverso prospettive tese e sottili. Apprezziamo, dunque, l’approccio delicato al racconto di fatti brutali e lo preferiamo là dove non si compiace di far avvertire la macchina da presa, come fa invece in testa al film e in coda (con uno specchietto retrovisore che urla “papà!”), forse ancora troppo preoccupata di dover dimostrare qualcosa a qualcuno.

Marianna Cappi (www.mymovies.it)

novembre 26, 2012 at 5:44 pm Lascia un commento

Francesco De Gregori – Sulla strada ( cd – lp )

Chiunque sappia preparare un piatto delizioso, progettare edifici senza tempo o disegnare l’automobile perfetta conosce la regola: se ti ripeti sei morto.

Qualcuno scrive subito che sei uguale a te stesso, e se invece ‘lo fai’ una volta sola allora non hai continuità.

 

Alcuni di questi ancora lo cercano fra le pagine chiare e le pagine scure: da qualche anno ormai ci rimangono male a non trovarlo.

 

Lui ha continuato a dirci di paralisi sociale, mari da attraversare, codici d’ingresso per il dolore, campane che suonano e finestre rotte.

 

Oggi racconta del ministero della speranza, idromele, troie che non restituiscono, controcanti privati e politici, buste della spesa e sassi che fischiano col vento.

 

La band lavora  come sempre a togliere. Mandoloncello e clarinetto. Banjo e pedal steel guitar. Omero al cantagiro e Ragazza del ’95 con Malika Ayanesembrano uscire da un organetto di Barberia o da una nave da crociera. Una melodia di flicorno chiude l’ultimo Falso movimento e per la biografica Guarda che non sono io ci sono gli archi di Nicola Piovani. La Guerra suona di Rickenbacker su una marcia di cori e ancora cori mentre Belle Epoque raggiunge un equilibrio perfetto di armonia, eleganza e gusto.

 

Che per farsi amare Sulla Strada si possano tranquillizzare e confondere gli inseguitori illuminando un metro e oscurando quello dopo ?

 

Dove De Gregori sia nessuno lo sa. E tanto meglio è per tutti, se va avanti così…

  

Quelli…sono gli stessi che provano da tutta la vita ad appiccicarmi

addosso il nome di Giuda. Giuda, l’uomo più odiato della storia

dell’umanità ! Ma perché ? Perché ho suonato la chitarra elettrica ?

Come se suonare una chitarra elettrica fosse equiparabile a tradire

nostro Signore ! Per quanto mi riguarda tutti questi figli di puttana possono marcire all’inferno…

 

Robert Allen Zimmerman aka Bob Dylan

Davide Cignatta

novembre 24, 2012 at 11:23 am Lascia un commento

Detachment, Il distacco di Tony Kaye ( dvd e b-ray )

Henry Barthes è un uomo solitario e introverso che insegna letteratura alle scuole superiori. Quando un nuovo incarico lo conduce in un degradato istituto pubblico della periferia americana, il supplente deve fare i conti con una realtà opprimente: giovani senza ambizioni e speranze per il futuro, genitori disinteressati e assenti, professori disillusi e demotivati. La diversità di Henry è evidente sin dal primo impatto con questo universo allo sbando. Il distacco e l’assenza di coinvolgimento emotivo gli consentono di conquistare il rispetto e la partecipazione di ragazzi difficili, che ben presto sconvolgeranno il mondo apparentemente controllato del docente.
È un’autentica missione quella che vede impegnati gli insegnanti, a tutte le latitudini. Ancora di più lo è se il contesto sociale è caratterizzato dal degrado e dalla mancanza di prospettive. Ma laddove la scuola è l’unico punto di riferimento nei microcosmi di adolescenti che affrontano il faticoso cammino della crescita, questa missione rischia di infrangersi al cospetto dei fallimenti quotidiani. Allora il senso di impotenza e frustrazione polverizza ogni traccia dei primi entusiasmi e idealismi, giungendo a infettare anche vite private in lenta e inesorabile dissoluzione. Così, il desiderio di fare la differenza diventa vana velleità e lascia il posto alla resa.
Forse è per questo che il protagonista del film sceglie di continuare a fare il supplente, tentando, nel poco tempo di cui dispone, di impartire insegnamenti significativi agli studenti. Eppure, la passione che lo accende per la penna dei poeti sembra non riuscire a scalfire la sua vita. Il distacco emotivo, in cui Henry ha deciso di trincerarsi e farsi scudo dal mondo, cela un’antica ferita che torna a galla nel contatto con una prostituta-bambina scappata di casa e un’allieva sensibile e dotata di talento artistico, ma castrata da un padre oppressivo e ferita dall’arroganza dei compagni. Mentre afferra queste isole alla deriva, Henry salva se stesso e la propria anima. Ma l’impatto tra pianeti arrabbiati e fragili genera deflagrazioni irreversibili, ben rappresentate dall’immagine dell’aula vuota e sfasciata.
È intriso di profondo pessimismo e malinconica poesia questo film diretto dall’eclettico artista britannico Tony Kaye. La consapevolezza lucida e amara di un destino ancorato al dolore è scandita dalle parole immortali di scrittori con cui il supplente spiega la vita ai ragazzi e incarnata nello sguardo triste e lontano di un Adrien Brody sempre superbo. L’intero cast è all’altezza di una sfida impegnativa: cogliere le falle del sistema di istruzione americano e le tragiche conseguenze che si riverberano sulle vite di insegnanti e alunni. Il regista le ritrae in maniera non convenzionale, percorrendo la strada di uno stile personale e riconoscibile, con un avvio da documentario – con inserti di interviste video a docenti che imprimono un effetto di realismo – e uno svolgimento via via più drammatico. Notevoli anche le soluzioni visive, con il contrasto tra il bianco e nero degli inserti iniziali e una fotografia dai toni caldi. Quando poi le immagini parlano all’unisono con la musica, la magia del cinema è compiuta e arriva dritta al cuore.

Annalice Furfari (www.mymovies.it)

novembre 23, 2012 at 5:03 pm Lascia un commento

Led Zeppelin – Celebration Day ( cd – dvd – bray – lp )

Il dubbio dura lo spazio di un attimo. L’esitazione svanisce in un battito di ciglia. Il giudizio resta sospeso giusto il tempo di un accordo di chitarra elettrica. Le prime battute di “Good times bad times” (primo brano del primo album: una scelta inattesa ma simbolica, non casuale) sciolgono immediatamente la riserva: il 10 dicembre del 2007, alla O2 Arena di Londra, i Led Zeppelin hanno fatto sul serio (per poi sparire di nuovo). La prima reazione all’ascolto di “Celebration day”, e alla visione del film che documenta la storica e forse irripetibile serata, è un sorriso compiaciuto, rassicurato, soddisfatto. Lo stesso che immagini sui volti di Jimmy Page, Robert Plant, John Paul Jones e il figlio di John Bonham, Jason, quando hanno riacceso amplificatori e microfoni nella sala prove degli Shepperton Studios e hanno capito che stavolta il Dirigibile avrebbe volato alto su Londra, senza il rischio di accartocciarsi su se stesso com’era successo nello spazio aereo di Filadelfia e di New York, al Live Aid e al quarantennale della Atlantic.

Era un punto interrogativo per tutti, un rischio neanche tanto calcolato. Ed è andata bene, benissimo, oltre ogni previsione. La formula segreta degli Zeppelin, più invidiata e imitata di quella della Coca-Cola, riprodotta per incanto quando nessuno – forse neppure loro – ci credeva più. Volevano ricordare perché si erano guadagnati la fama di migliore live band di tutti i tempi, come ai tempi eroici avevano conquistato il West: ci sono riusciti riaccendendo la miccia di una bomba sonora che contraddice logica e aritmetica, tre strumenti e una voce che sprigionano una potenza di fuoco quasi inconcepibile, ricostruendo quelle “cattedrali di luci e ombre” che sono il tratto distintivo della scrittura musicale di Page, architetto di suoni e mago della dinamica.

Era lui l’incognita più grande di questa rimpatriata. L’oggetto misterioso silente da anni, apparentemente disidratato nell’ispirazione. Non ha più la stessa fluidità di tocco, forse, ma sentite come tiene dritta la barra snocciolando i riff monumentali di “Black dog” e di “For your life” (una prima assoluta, sul palco, per il pezzo estratto da “Presence”). O come è ancora capace di spremere lacrime, dolcezza vellutata e gemiti sensuali dalla sua Gibson in “Since I’ve been loving you”. Un solista ancora formidabile, un chitarrista ritmico diabolico. Plant, nel pieno di una seconda (o terza) giovinezza artistica e con un’emissione vocale che sa ancora essere poderosa, ha l’accortezza di abbassare la tonalità; consapevole di non poter riacchiappare gli acuti vibranti e squassanti della sua giovinezza, supplisce quando serve con il fraseggio, la nuance, il mestiere, i tempi giusti. E se i front men fanno la loro parte, i veri eroi della serata, forse, sono gli uomini di seconda fila: Bonham Jr., rodato da anni sui palchi di tutto il mondo, ha mandato a memoria i pattern di papà Bonzo, amplificandoli con un’agilità e un virtuosismo figli di questi tempi votati alla tecnica. E Jones, che con il basso sa essere allo stesso tempo àncora ritmica e puntello melodico (“Ramble on”: un classico praticamente mai proposto dal vivo), si prende giustamente le luci della ribalta nel funk schiacciasassi di “Trampled underfoot”, Stevie Wonder James Brown che incrociano Robert Johnson al crocicchio (è la versione Led Zeppelin di “Terraplane blues”, spiega Plant introducendola) e nelle spettrali, livide atmosfere di “No quarter”. Assolutamente perfetta, quest’ultima, e una delle vette di uno show riproposto con pochissimi aggiustamenti in postproduzione (qualche imperfezione è evidente) insieme ai blues supersonici ed espansi di “In my time of dying” e “Nobody’s fault but mine”, Blind Willie Johnson lanciato in orbita tra stridori lamentosi di slide, un’armonica sbuffante e colpi di maglio sul rullante.

Il granitico set (niente chitarre acustiche e mandolini, stavolta. Niente folk inglese o dolci sogni di California) sciorina nella seconda parte quasi tutti i crowd pleaser, i pezzi più amati dal pubblico. Una “Kashmir” impressionante, accolta da un boato, e il bis liberatorio/celebrativo di “Rock and roll”, mentre Page tira fuori dal cilindro l’archetto (“Dazed and confused”, undici minuti e quarantaquattro secondi di psyco-rock d’altri tempi), il theremin (“Whole lotta love”, il riff dei riff) e la chitarra a doppio manico e Plant indossa i vecchi panni del “back door man” calandosi senza patemi – a dispetto del suo reiterato imbarazzo – nel ruolo del bardo medievale di “Stairway to heaven”, immancabile e come sempre irraggiungibile. “Ahmet, we did it!”, sbotta il vocalist al termine dell’esecuzione rivolgendosi allo spirito di Ahmet Ertegun, il fondatore della leggendaria Atlantic Records. Lo hanno fatto per davvero. Missione compiuta, e forse questo è davvero il miglior happy ending possibile della storia. A che servirebbe replicare?

TRACKLIST

CD 1
“Good times bad times”
“Ramble on”
“Black dog”
“In my time of dying”
“For your life”
“Trampled underfoot”
“Nobody’s fault but mine”
“No quarter”

CD2
“Since I’ve been loving you”
“Dazed and cofused”
“Stairway to heaven”
“The song remains the same”
“Misty mountain hop”
“Kashmir”
“Whole lotta love”
“Rock and roll”

Alfredo Marziano (www.rockol.it)

novembre 22, 2012 at 9:07 am Lascia un commento

Take Shelter di Jeff Nichols ( dvd e b-ray )

Curtis LaForche è un uomo che farebbe tutto per sua moglie Samantha e la loro piccola bambina. Da alcuni giorni l’uomo soffre di incubi notturni, in cui una tempesta di proporzioni bibliche si abbatte sulla sua casa e mette in pericolo i suoi cari. Sempre più ossessionato da oscure minacce incombenti, Curtis decide di costruire sotto terra un rifugio anti uragano in grado di tenere al sicuro ognuno di loro. Ma gli incubi non scompaiono, anzi ben presto si trasformano in vere e proprie allucinazioni. La paranoia si trasforma in schizofrenia, finché il terrore di una catastrofe imminente non sopraffà la sua mente sconvolta.
Già passato con successo al festival di Cannes, questo film di Jeff Nichols illustra con sorprendente potenza visiva e notevole senso per l’atmosfera la psiche deviata dell’uomo qualunque, spaventato da forze che gli sono oscure e allo stesso tempo tangibili. Il senso di minaccia che la fotografia, le musiche stridenti e gli effetti speciali efficaci nella loro semplicità restituiscono allo spettatore è immediato e angosciante. La progressione drammatica della vicenda è precisa e funzionale, e subisce pochissime cadute di tensione o ritmo narrativo. A supportare il film con una prova d’attore notevolissima è Michael Shannon, interprete che sembra ormai specializzato in personaggi dalla psicologia disturbata: rispetto a lungometraggi come BugRevolutionary Road o la serie TV Boardwalk Empire però l’attore riesce a sfumare ulteriormente la sua prova, costruendo una figura che capisce di essere in difficoltà e per questo è ancora più drammatica. Invece di rappresentare un uomo che cede alla follia, Shannon dipinge il suo Curtis LaForche come una persona che comprende di essere malato e in qualche modo affronta le proprie paranoie. I momenti più belli, più toccanti di Take Shelter sono proprio quelli in cui il protagonista sofferente lotta con il cuore contro i fantasmi della sua mente distorta. Accanto a Shannon troviamo un’intensa Jessica Chastain, sicuramente la scoperta del 2011, perfetta nella sua semplicità ma capace allo stesso tempo di infondere spessore al suo ruolo nei momenti che contano. Da segnalare nel cast anche la presenza di ottimi caratteristi come Shea Wingham, Ray McKinnon e Kathy Baker.
L’anima dell’America è ancora ferita, si sente ancora assediata e sotto attacco. Il nemico è sempre più oscuro, non ha un volto preciso, ormai è diventata una sorta di entità minacciosa. Take Shelter in filigrana racconta l’ossessione americana di sicurezza, e lo fa con un senso del cinema d’impatto molto forte ma mai eccessivo. Il film possiede una notevole forza drammatica, sa irretire il pubblico e immergerlo nella storia personale del suo personaggio principale. E poi c’è il finale poderoso nel suo essere enigmatico e insieme profetico: cosa provoca la paranoia in una persona? Quanto sono lontane dall’essere reali le minacce che si insinuano nella mente di un uomo? Domande senza risposta, perché oggi a regnare è il dubbio.

Adriano Ercolani (www.mymovies.it)

novembre 21, 2012 at 8:14 pm Lascia un commento

Mark Eitzel – Don’t be a stranger ( cd – lp )

Il batterista della tua band, così di culto che tutti dicono di apprezzarla ma i suoi dischi sono out of print da anni, muore, e sei costretto a dirle addio dopo una reunion costosa, anche in termini emotivi; poco più tardi, vieni colpito da un infarto e le spese sanitarie prosciugano tutti i tuoi risparmi; i demo che mandi alle etichette vengono rifiutati come se fossi un adolescente brufoloso senza arte nè parte e non un cantautore di 53 anni con più di vent’anni di carriera alle spalle.
Poi un tuo amico vince alla lotteria, e ti finanzia la registrazione del disco negli studi di Sheldon Gomberg (Rickie Lee JonesBen Harper).

È un turbine drammatico e amaramente ironico che trova un riflesso in questo “Don’t Be A Stranger”, uno dei dischi più diretti e accessibili di Mark Eitzel, a partire dalla scelta degli arrangiamenti, che non si lasciano mai andare a distorsioni o effetti rumoristici. Un disco Waits-iano, una lounge music da perdenti (“Why Are You With Me”), che suoni in un locale di periferia semi-deserto per sentirti dire “I Love You But You’re Dead”.
Allo stesso tempo Eitzel sembra prendere anche dall’esperienza della composizione di un musical, che trasporta in alcune delle canzoni di “Don’t Be A Stranger” il gusto per l’interpretazione istrionica (“Break The Champagne”), che esalta, alleggerisce e nobilita l’impostazione drammatica delle canzoni del cantautore americano.

Con ironia appare la psichedelia Drake-iana di “I Know The Bill Is Due”, per come il sogno della composizione si affianca all’iper-realismo della confessione di Eitzel; un etereo struggimento, alla Antony (che compare qui in “Costume Characters Face Dangers in the Workplace”), sostiene le aeree carezze di “Your Waiting”.
Su tutto emerge una classe che nessuno oserebbe mettere in dubbio, quella di chi sa accettare la vita e affrontarla facendo ciò che gli piace fare, qualsiasi cosa succeda.

Lorenzo Righetto (www.onrarock.it)

novembre 19, 2012 at 7:59 pm Lascia un commento

Articoli meno recenti


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
novembre: 2012
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Blog Stats

  • 138,400 hits

Commenti recenti