Archive for dicembre, 2017

Star Wars: Gli Ultimi Jedi di Rian Johnson -recensione di Stefania De Zorzi-

jedi

Rinnovare o conservare? Rian Johnson, regista e sceneggiatore di “Star Wars: Gli Ultimi Jedi”, opta per la via pericolosa e vitale del rinnovamento di una delle saghe cinematografiche di maggior successo degli ultimi quarant’anni.
Non poteva forse essere diversamente, visto che i personaggi originali della prima trilogia sono periti nella finzione (Han Solo/Harrison Ford nell’episodio precedente) o ahimé nella realtà (Carrie Fisher/Principessa Leia, che rimane comunque protagonista grazie alla digitalizzazione, e a cui viene dedicato un commovente omaggio).
Il sinistro Primo Ordine, comandato dal Leader Supremo Snoke/Andy Serkis, cerca di spazzare via le forze residue della Resistenza, capitanate da Leia Organa: la battaglia spaziale infuria, fra atti di eroismo e temerarietà di Poe/Oscar Isaac e Finn/John Boyega, mentre su un pianeta desolato Rey/Daisy Ridley è alle prese con un recalcitrante Luke Skywalker/Mark Hamill e con le proiezioni mentali dell’infido Kylo Ren/Adam Driver.
L’aria di novità si respira fin dall’esilarante scena iniziale, piacevolmente prossima ai toni scanzonati de “I Guardiani della Galassia”; continua nella prospettiva tutta al femminile di una battaglia dove le vite umane hanno la priorità sugli atti di presunto eroismo (particolarmente azzeccati i nuovi personaggi del vice ammiraglio Holdo/Laura Dern e dell’umile ma intrepida Rose/Kelly Marie Tran). Incredibile ma vero, con l’eccezione di Rey, vediamo donne non necessariamente giovani o bellissime protagoniste di un kolossal, per di più di fantascienza. Le sequenze fra Rey e Luke, pur se con una certa lentezza, rileggono con occhi moderni il classico rapporto maestro/allieva: dove il primo non vuole essere tale, mentre la seconda scopre verità scomode sul proprio passato e su quello di Luke. Le battaglie spaziali, le sequenze nella sala rossa del Leader Supremo, e le scene finali sul pianeta di sale sono visivamente mozzafiato; Johnson firma una sceneggiatura migliore dell’episodio 7, con una trama meno frammentata e dialoghi scoppiettanti di ironia auto-referenziale. Soprattutto scolpisce una squadra di personaggi a tutto tondo, che nel film precedente era rimasta appannata da un’aurea mediocrità, e qui invece appassiona e prende risalto. Non manca qualche peccato veniale: dagli animaletti di matrice disneyana già pronti per il merchandising, alla storica colonna sonora, qui troppo invadente (con l’eccezione di una sequenza splendida e cruciale completamente silenziosa). In barba ai fan puristi e ai pistolotti anti-seriali, si esce con l’allegria e l’affetto per un rinato manipolo di eroi e l’attesa impaziente del prossimo episodio.

Annunci

dicembre 27, 2017 at 11:52 am Lascia un commento

I 30 FILM PIU’ VENDUTI AD ALPHAVILLE NEL 2017.

ARRIVAL

 ARRIVAL

ELLE

ELLE

SING STREET

SING STREET

LA LA LAND

LALA

CAPTAIN FANTASTIC

CAPTAIN

TRUMAN

TRUMAN

LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT

 LA MIA VITA DA ZUCCHINA

 THE WITCH

PERFETTI SCONOSCIUTI

BLADE RUNNER

RAW

HEART OF A DOG

IL CLIENTE

CORVO ROSSO NON AVRAI IL MIO SCALPO

INTERSTELLAR

EFFETTO NOTTE

NICK CAVE ONE MORE TIME WITH FEELING

LA VENDETTA DI UN UOMO TRANQUILLO

SCAPPA -GET OUT-

PATERSON

LA MECCANICA DELLE OMBRE

IL DIRITTO DI UCCIDERE

AGNUS DEI

IT FOLLOW

POLYTECHNIQUE

UN PADRE UNA FIGLIA

IL MEDICO DI CAMPAGNA

E’ SOLO LA FINE DEL MONDO

TANGERINES – MANDARINI

30+1 FRANK

 

 

dicembre 17, 2017 at 12:20 pm Lascia un commento


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Blog Stats

  • 145,902 hits