Archive for agosto, 2015

I FILM PIU’ VENDUTI AD ALPHAVILLE NEL MESE DI LUGLIO

1 SUITE FRANCESE  –Saul Dibb

suite_francese.jg_

2 SHUAN VITA DA PECORA  –Mark Burton, Richard Starzak

SHUAN

3 SENZA SANTI IN PARADISO   –Daniel Hart

Senza-santi-in-Paradiso-cover-vcd-front

4 BIRDMAN – Alejandro González Iñárritu

birdman1

5 KINGSMAN SECRET SERVICE  –Matthew Vaughn

KING

agosto 12, 2015 at 10:15 am Lascia un commento

SPY di -Paul Feig- recensione di Stefania De Zorzi

spy

Può una donna obesa e sgraziata rivestire efficacemente i panni del
super agente segreto? In “Spy” la risposta è affermativa: Melissa
McCarthy interpreta Susan Cooper, intelligente dipendente della Cia,
innamorata senza speranza dell’aitante agente sul campo Jude
Law/Bradley Fine. Quando quest’ultimo viene messo fuori combattimento
dalla perfida Rose Byrne/Rayna Boyanov, Susan decide di proporsi come
agente operativo sotto copertura, allo scopo di bloccare la vendita di
un ordigno nucleare ad un gruppo di terroristi. Paul Feig dirige una
rivisitazione arguta dei film di spionaggio di James Bond, giocando ad
evidenziare i punti deboli dei personaggi: così Fine è seducente e
affascinante, quanto vanesio e poco sensibile, mentre Jason
Statham/Rick Ford è un macho millantatore tutto muscoli e niente
cervello, contraltare dell’Ethan Hunt di Mission Impossible. Rayna, la
bella dark lady di turno, è una figura ornamentale preoccupata delle
sorti dell’elaborata acconciatura più che di salvare la pelle.
Smontate le icone classiche, dal super uomo alla bella donna che lo
affianca, emerge come un tornado geniale e irresistibile la
protagonista, comica ma non ridicola, figura femminile forte senza
dover imitare il modello maschile. Susan Cooper vince fra
rocambolesche avventure la battaglia contro terroristi internazionali,
che è tutto sommato più facile da combattere dell’indifferenza e delle
beffe quotidiane degli uomini nei confronti di una donna non
attraente. Si ride parecchio, dalla scena iniziale con Jude Law alle
prese con l’allergia al polline in un frangente decisamente delicato,
sino alla fine, in una girandola di situazioni “classiche” per i film
di spionaggio (la scena al casinò, le false identità, la lotta con i
coltelli al ristorante, l’inseguimento in moto), rivisitate con
ironia. I dialoghi sono spumeggianti, il ritmo comico-avventuroso
tiene bene per tutta la durata del film, e si scopre fra l’altro un
insospettato talento comico in Jason Statham.

agosto 8, 2015 at 7:31 pm Lascia un commento


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
agosto: 2015
L M M G V S D
« Lug   Set »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Blog Stats

  • 134,536 hits

Commenti recenti