Eva di Kike Maillo ( dvd e b-ray )

dicembre 12, 2012 at 12:43 pm Lascia un commento

Alex Garel è un ingegnere cibernetico che sogna di costruire un robot fornito di cuore e anima. Tornato dopo dieci anni a Santa Irene, ritrova i suoi affetti e riprende i progetti lasciati a metà. Stabilitosi nella casa paterna, riordinata e riassettata da un domestico meccanico, Alex scopre molto presto che il fratello David ha una bambina ed è sentimentalmente legato alla donna amata e abbandonata dieci anni prima. Eva è una fanciulla curiosa e ciarliera che prova un’istintiva simpatia per Alex e la sua professione. Invitatasi nel suo laboratorio resta affascinata da un robot bambino a cui l’ingegnere sta lavorando per conto terzi. Tra esperimenti falliti e scivoloni sulla pista di pattinaggio, Alex comprenderà presto che niente è come sembra e che il cuore di Eva nasconde un segreto che lo riguarda da vicino.
Per il suo esordio in lungo il regista spagnolo Kike Maíllo sceglie la fantascienza e confronta l’uomo e la macchina in un film dagli echi collodiani. Eva è più precisamente una science fiction, prodotto principe degli studios e dei laboratori digitali americani. Questa volta tuttavia ci troviamo davanti a un ‘articolo’ squisitamente europeo che combina felicemente tecnologia e drammaturgia, scomodando per la sceneggiatura il drammaturgo catalano Sergi Belbel. Il risultato è un film che mette in relazione l’uomo e le macchine attraverso una storia di sentimenti potenti al cui centro c’è uno scienziato, epigono del dottore di Shelley, che desidera simulare la vita. Ma anche questa volta, come fu per il celebre Frankenstein, l’irriducibile ricercatore patirà la colpa di essersi sostituito a Dio nella creazione della vita. Lo patirà con lacrime e dolore, decidendo del destino di una bionda replicante, un organismo artificiale che come il burattino di Collodi promette sempre di fare il bravo.
Cortocircuitando attori e cyborg, materia organica e inorganica, Maíllo crea un futuro che viene dal passato ed è già presente, dove gli uomini convivono con robot meccanici, di cui sviluppano l’aspetto emotivo e quello sentimentale. L’amore, empatia da cui erano esclusi i replicanti di Blade Runner, è di fatto il motore che muove l’ingegnere di Daniel Brühl verso Eva, angelo lacerato fra le sue due nature che anelano a un saltus verso l’umano. La piccola Eva è allora figura di un desiderio umano di realizzazione, l’anelito di un inferiore a una condizione superiore. Una bambina perfetta che brama l’imperfezione dell’umano. Di quella madre e di quel padre che l’hanno ‘concepita’ contro natura e dentro un laboratorio.
Eva non cerca nelle creature artificiali che mette in schermo informazioni sulla natura del comportamento umano, piuttosto ipotizza e ‘ammette’ relazioni altre e oltre con macchine capaci di innamorarti il cuore. Androidi che non imitano gli umani ma che sono già umani. Una storia, quella di Eva, che ‘non è vera’ ma che dice la verità sul mondo e sull’uomo. Un uomo che creò una bambina perché lei lo amasse.

Marzia Gandolfi (www.mymovies.it9

Annunci

Entry filed under: News Film, Recensioni Film.

Margaret di Kenneth Lonergan ( dvd ) Contraband di Baltasar Kormakur ( dvd e b-ray )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
dicembre: 2012
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Blog Stats

  • 137,405 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: