Quel fantastico peggior anno della mia vita -di Alfonso Gomez-Rejon- recensione di Stefania De Zorzi

luglio 2, 2016 at 12:06 pm 1 commento

Quel_fantastico_peggior_anno

“Me and Earl and the Dying Girl”, tradotto atrocemente nella
distribuzione italiana in “Quel fantastico peggior anno della mia
vita” è un tesoro nascosto, cui forse il passaparola può regalare
maggiore visibilità almeno in dvd, sul piccolo schermo. Thomas
Mann/Greg Gaines è un cinefilo timido e imbranato, all’ultimo anno di
liceo, che si diverte a girare fantasiose e strampalate parodie dei
classici del cinema con il suo “collaboratore” RJ Cyler/Earl, cercando
nel contempo di rendersi invisibile agli occhi delle “tribù” di
teen-ager che popolano la sua scuola. Fino al giorno in cui, obbligato
dalla madre, inizia a frequentare Olivia Cooke/Rachel Kushner, sua
coetanea ammalata di una grave forma di leucemia. Alfonso Gomez-Rejon
dirige un film sorprendente e delicato, lontano anni luce sia
dall’artificio zuccheroso e patinato, sia dalla violenza gangster di
tante produzioni dedicate agli adolescenti. Sorprendente per le
trovate stilistiche, con le sensazioni del protagonista suggerite
attraverso stacchi in stop-motion, o dialoghi con poster parlanti, e
con una voce narrante che dà anticipazioni inaffidabili sul destino
dei personaggi. Delicato per la compenetrazione fra tristezza e
felicità, fra i tempi migliori e i tempi peggiori; mentre l’amicizia
fra un ragazzo dalla faccia “marmottosa” e una ragazza malata di
cancro potrebbe trasformarsi in innamoramento a sfondo tragico, e
invece rimane miracolosamente in bilico, un sentimento forte e
profondo che non sfocia nel romanticismo a buon mercato. Le “opere”
girate da Greg e Earl sono un omaggio dolce e irriverente al miglior
cinema di sempre, da Herzog a Kubrick, passando per Kurosawa e
Truffaut. Si sorride e ci si commuove in ugual misura, riconoscendosi
in quelle facce un po’ così, che il regista evidenzia in primi piani
intensi, alternati a sobborghi vagamente fiabeschi: in uno stile che
rielabora in modo assolutamente personale “Super 8” di Spielberg e le
suggestioni fiabesche di Wes Anderson.

Annunci

Entry filed under: Notizie.

LA PAZZA GIOIA di Paolo Virzì recensione di Stefania De Zorzi LA CLASSIFICA DEI CD PIU’ VENDUTI AD ALPHAVILLE NEGLI ULTIMI 6 MESI

1 commento Add your own

  • 1. Annalisa Bendelli  |  agosto 25, 2016 alle 10:02 pm

    Elegantissima recensione, colta e sottile, stringata e precisa. Adoro ritmo, taglio, umore, parole e richiami delle recensioni di Stefania.
    Annalisa B.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
luglio: 2016
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Blog Stats

  • 132,565 hits

Commenti recenti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: