Archive for marzo 10, 2014

I FIORI DELLA GUERRA -Yimou Zhang-

fiori della guerra

Vi sono guerre, avvenute in un passato non troppo remoto, che non ci
hanno coinvolto neppure indirettamente, e che quindi ci restano in
gran parte sconosciute.

Fra queste il conflitto fra Cina e Giappone
iniziato nel 1937, che vede il suo culmine nel massacro di Nanchino,
nel dicembre dello stesso anno. Zhang Yimou affronta le atrocità
perpetrate dai giapponesi nel corso di quel periodo, raccontando la
storia di un becchino, John Miller / Christian Bale, che, costretto
dalle circostanze, si traveste da sacerdote cattolico, prendendosi
cura delle allieve superstiti di un convento con annessa cattedrale,
in cui hanno trovato rifugio fortuito anche delle belle prostitute.

Da questo microcosmo il regista si cimenta nel difficile compito di
mostrarci l’indicibile: il tentato stupro delle ragazzine da parte dei
soldati giapponesi è scioccante, visivamente potentissimo, ed è solo
l’inizio.

Riusciamo ad assistere a ciò che segue perché Yimou stempera
l’efferatezza con la poesia, contrappone alla brutalità la delicatezza
del sentimento e l’eroismo, mentre i personaggi evolvono tutti, nel
bene e nel male, andando incontro al loro destino. Talvolta il lirismo
e la commozione rischiano di diventare eccessivi, ma sono peccati
veniali, e il film, girato con eleganza, forza espressiva, e ben
interpretato (oltre a Bale è bellissima e straordinaria la prostituta
Yu Mo/Ni Ni) merita senz’altro la visione.

Riprovevole la decisione da
parte dei distributori di non farlo uscire nelle sale
cinematografiche, forse per il timore della reazione del pubblico di
fronte a certe scene e situazioni.

Stefania De Zorzi

marzo 10, 2014 at 7:25 PM Lascia un commento


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
marzo: 2014
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivi

Blog Stats

  • 181.796 hits