Trembling bells & Bonnie Prince Billy – The marbles down ( cd – lp )

luglio 21, 2012 at 5:52 pm 2 commenti

 

Le amabili e imprevedibili dissonanze che i Trembling Bells hanno elevato ad arte nel terzo album “The Constant pageant” sono la realtà più pregnante dell’intera scena folk. Alex Neilson e Lavinia Blackwall hanno riscoperto il fascino pagano e a volte anarchico della musica popolare, con un suono che ha radici nel folk-rock dei Fairport Convention ma seduce anche acid-rock, country, free-jazz e li circonda con atmosfere medievali.
Questa volta l’amico Bonnie”Prince” Billy è della partita, e non è difficile cogliere in rassicuranti sonorità d’organo e chitarra acustica il tentativo di raccogliere i resti di una battaglia armonica sempre furiosa e travolgente. Il singolo “New Year’s Eve’s The Loneliest Night Of The Year”, primo germe di questa collaborazione tra il geniale compositore e il gruppo scozzese, sembrava un episodio isolato, ma l’amicizia e la curiosità dei musicisti hanno sfidato le evidenti differenze con un risultato interessante.

Fiato alle trombe con cori da sabba infernale, chitarre psych-noise e un’orgia armonica che ci introduce nel loro complesso insieme di suoni: “I Made A Date (With An Open Vein)”, affascinante storia di un suicidio in cerca dell’amore perduto è una delle immagini più vivide dell’album e apre con enfasi il quarto lavoro della band.
È innegabile, i Trembling Bells prevalgono stilisticamente e la loro irruenza creativa è priva di confini: “Ain’t Nothing Wrong With A Little Longing” entra nell’acid-folk dell’Incredible String Band citando i Jefferson Airplane, con Lavinia e Bonnie che duettano senza regole tra chitarre e violini straziati, creando così il primo brano garage-folk della storia.

Alex Neilson ha affrontato con consapevolezza il ruolo di vocalist di Bonnie “Prince” Billy, che resta concentrato sul ruolo di cantante. Il suono del gruppo resta ancorato al folk-rock anni 60 e 70: sono sempre i Fairport Convention, insieme agli Steeleye Span, i padri tutelari del loro versante più tradizionale ed è sublime la creatura che nasce dall’incontro di musica medievale e neo-folk in “Ferrari In A Demolition Derby”, nella quale gli estremi si incrociano e si fondono con dolcezza.
Il songwriting non conosce momenti di stasi e trionfa nella ballad “Love Is A Velvet Noose” – i suoni sono sospesi e ricchi di seduzione, come un puzzle sonoro ricco di frammenti brevi che si fondono. Ancora suggestioni retrò per “I Can Tell You’re Leaving”, che sfida i confini della musica pop flirtando con Lee Hazlewood e sfruttando l’equilibrio dolceamaro delle due voci.
 
“The Marble Downs” non è comunque un album destinato ad attirare nuovi fan per le incandescenti creazioni barocche del gruppo, perché resta quella sensazione di antico e solenne che spesso allontana anche gli amanti del folk-revival.
La presenza di Bonnie “Prince” Billy non modifica le coordinate del suono, nonostante “Riding” si candidi come una delle migliori canzoni cantate dall’artista americano, con quel misto di folk, blues e acid-rock degno dei Grateful Dead.

Sono ancora il mistero e il mito il brodo psichedelico nel quale il folk dei Trembling Bells continua a galleggiare, anche nel mini-album pubblicato in contemporanea (“The Duchess”).
Un breve capitolo che offre non solo una versione in chiave barocca del brano di Scott Walker che dà il titolo al mini album, ma anche folk medievale e splendidi incastri a più voci prima con Bonnie “Prince” Billy (“I’ll Be Looking Out For Me”) e in seguito con i Muldoons Picnic, un eclettico ensemble scozzese abile nel rivisitare pop e folk con cori a cappella e intriganti arrangiamenti in “Dancing On The Breath Of God”.

Piaccia o no, la musica dei Trembling Bells resta incurante della mediocrità che accompagna di questi tempi il folk-revival, e “The Marble Downs” è l’ennesimo trionfo. 

Gianfranco Marmoro (www.ondarock.it)

Annunci

Entry filed under: News Musica, Recensioni Musica.

E ora parliamo di Kevin di Lynne Ramsay ( dvd ) Cesare deve morire di Paolo e Vittorio Taviani ( dvd )

2 commenti Add your own

  • 1. Denice  |  marzo 2, 2013 alle 10:12 am

    Hi. I’m wondering if you may be interested in doing a link swap? I see your blog: https://alphavillepc.wordpress.com/2012/07/21/trembling-bells-bonnie-prince-billy-the-marbles-down-cd-lp/ and my blog are primarily based around the same subject. I’d really
    like to swap links or perhaps guest author a post for you.
    Here is my personal e-mail: denice.deleon@zoho.
    com. Make sure you contact me if you’re even slightly interested. Appreciate it.

    Rispondi
  • 2. free cricket pc games download  |  aprile 26, 2013 alle 9:22 pm

    Howdy, i read your blog occasionally and i own a similar one and i was just wondering if you get a lot of spam responses?
    If so how do you stop it, any plugin or anything you can advise?
    I get so much lately it’s driving me insane so any support is very much appreciated.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
luglio: 2012
L M M G V S D
« Giu   Set »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Blog Stats

  • 134,429 hits

Commenti recenti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: