War Horse di Steven Spielberg ( dvd e b-ray )

maggio 30, 2012 at 5:26 pm Lascia un commento

Chi meglio di Spielberg ha saputo, nell’arco di una lunga e prolifica carriera cinematografica, semplificare gli orrori della storia riportandoli a un piano di sentimenti personali, e dunque facilmente avvicinabili. Storie intime e di rara umanità attraverso le quali Spielberg ci ha parlato, senza salire in cattedra ma scendendo sempre ad altezza uomo o più in basso (magari ad altezza E.T.), della Seconda Guerra Mondiale (sperando di salvare il soldato Ryan) o della Shoah (misurando l’inumano tramite le gesta umane dell’uomo Schindler) facendo sempre leva sull’assolutezza di sentimenti capaci di travalicare la cupezza estemporanea di terribili momenti storici e ritrovare invece la solidarietà di certe azioni che, già da sole, hanno il potere di riconciliare alla vita. Con War Horse Spielberg riprende e rielabora due dei temi a lui più cari: la scure della guerra e la luce dei buoni sentimenti (amicizia, solidarietà, fiducia nel prossimo). Due elementi che per la prima volta convergono nel tono favolistico di un racconto che pone l’evento (la Grande Guerra) in secondo piano rispetto al sentimento di lealtà maturato tra un ragazzo e un cavallo che il destino ha messo sulla stessa strada. Tratto dal bestseller per ragazzi di Michael Morpurgo e poi adattato in uno spettacolo teatrale di grande successo prima di diventare anche film, War Horse narra infatti la storia di Joey (che non a caso si legge come joy, gioia), cavallo dalla grande indole che si spenderà nel corso della (sua) vita (e della prima guerra mondiale) per salvare o impreziosire le vite degli esseri umani che il fato metterà sul suo cammino, persone invaghitesi della lucentezza del suo manto o della potenza dei suoi zoccoli. Da questa parabola a episodi che corre al galoppo seguendo le tracce di un equino speciale, Spielberg trae lo spunto per osservare la morte e la disperazione di una guerra, fatta di ragazzi che cadono a grappoli nella solitudine delle trincee, sfruttando il distacco e la neutralità di un essere innocente spinto solo dall’istinto di sopravvivenza e dal desiderio di ricongiungersi al proprio padroncino. L’orrore scorre dunque sullo sfondo mentre in primo piano, al galoppo tra gli idilliaci paesaggi del Devon e nel grigiore dei campi di guerra, la corsa di Joey è un chiudere gli occhi e lanciarsi nell’abisso, con la speranza di risvegliarsi nel calore della propria stalla e nell’abbraccio di una persona cara. Home sweet home.

Elena Pedoto (www.everyeye.it)

Annunci

Entry filed under: News Film, Recensioni Film.

Patrick Watson – Adventures in your own backyard ( cd – lp ) Albert Nobbs di Rodrigo Garcia ( dvd e b-ray )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
maggio: 2012
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Blog Stats

  • 137,394 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: