Beach House – Bloom ( cd – 2lp )

maggio 26, 2012 at 9:29 am 1 commento

Forti del successo riscosso con l’ottimo “Teen Dream“, Alex Scally e Victoria Legrand procedono spediti nell’addobbare la loro bella casetta sulla spiaggia, tra organetti vintage tirati a lucido e colori pastello a tingere le pareti. Accantonati poi i primi vagiti lo-fi esposti nei primi due album, con “Bloom” (quarto disco prodotto in sei anni) i due Beach House paiono essersi allegramente adagiati verso una brillante e talvolta minuziosa formula dream-pop. Ecco quindi subentrare una maggiore cura di ogni singola rifinitura. Mentre le melodie, rese ancor più fatate e leggiadre, sottolineano ancora una volta l’elevata capacità dei due americani di intrattenere l’ascoltatore mediante un neoromanticismo pop florido e ardente di passione.

Così, l’arpeggio introduttivo di “Myth” riprende là dove “Zebra” dava vita a nuove ascensioni armoniche, con la dolce Victoria ancor più sicura delle proprie capacità canore e ben ferma sugli acuti. Del resto, ai due piccioncini bastano pochi accordi per sedurre. E nonostante la presenza di un’apparente “ripetitività” di fondo, ogni canzone vira con garbo a una fluorescenza melodica puntualmente trepidante. Parimenti, in più di un’occasione salta fuori la sensazione di trovarsi a un’intima festa, dove ogni stanza è accuratamente adornata di fiori e palloncini da far esplodere allegramente al proprio passaggio, tra giochi di luce e sorrisi smaglianti. Le atmosfere celestiali assumono dunque una centralità ancor più assoluta e a ogni flemmatica partenza segue un’esplosione di gioia in cui poter cullare i propri sogni (“Wishes”, “Lazuli”), con il buon Scally sempre più a suo agio nelle vesti dell’arrangiatore travestito da timido giullare. E anche quando pare subentrare un’insolita malinconia, è la consueta trasognata sospensione vocale della Legrand ad alleggerire lievemente gli umori (“Troublemaker”). Mentre la ninna nanna di “On The Sea” e la cullante “Irene” avvisano in coda che le celebrazioni stanno per concludersi ed è quindi giunta l’ora di aprire gli occhi, tornare alla realtà e alla vita di tutti i giorni, in un sublime incastro di velati gemiti, morbide spirali acustiche e calde effusioni ritmiche.

Se “Teen Dream” poneva le basi per un “nuovo” celeste cammino, “Bloom” ricalca a meraviglia una formula dream-pop mai così perfettamente riconoscibile, confermando appieno la bontà e le preziose doti compositive del duo di Baltimora.

Giuliano Delli Paoli (www.ondarock.it)

Annunci

Entry filed under: News Musica, Recensioni Musica.

L’arte di vincere di Bennett Miller ( dvd e b-ray ) Patrick Watson – Adventures in your own backyard ( cd – lp )

1 commento Add your own

  • 1. Esteban  |  settembre 20, 2013 alle 4:47 am

    It’s remarkable to pay a visit this website and reading the views of all colleagues regarding this post, while I am also keen of getting know-how.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
maggio: 2012
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Blog Stats

  • 133,452 hits

Commenti recenti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: