Michael Kiwanuka – Home again ( cd – lp )

marzo 19, 2012 at 5:21 pm Lascia un commento

Se i paleontologi del futuro studieranno i resti fossili della musica rock, non avranno difficoltà a rintracciare nella vecchia Londra dell’era beat e nell’Isola di Wight dei grandi raduni pop le origini di “Home Again”, primo album di Michael Kiwanuka.
Tutto lo charme ingenuo della psichedelia pre-Pink Floyd e il candore dei primi folksinger inglesi, innamorati dell’America di Bob Dylan Paul Simon, sembra rivivere nelle trame delle dieci canzoni.
 
Anche il fascino di un vissuto intenso e sofferto, nonostante la giovane età del Nostro (24 anni), ripropone vecchie immagini; il jazz-soul misto al folk, alla maniera di Van Morrison, e il sapore epico che rimanda ai Traffic sono amalgamati alla perfezione con la struttura più black, che cita Marvin Gaye ma accarezza il tono confortevole di Bill Withers e Terry Callier.
In tutto questo insieme di emozioni passate, sembra esserci poco spazio per la personalità di Kiwanuka, soprattutto per il tono sempre dimesso della voce che gioca più con le intonazioni che con le emozioni. E’ pur vero che il vibrante furore etno-jazz che anima “Tell Me A Tale” è istantaneamente licenziato per un sound più vellutato, ma la voce di Kiwanuka è sempre accattivante e la produzione di Paul Butler (The Bees) trasforma in un raffinato tessuto le sfumature stilistiche dell’album.
 
“Tell Me A Tale” è stato in verità il primo biglietto da visita del musicista – l’Ep è ormai un oggetto da collezione (sfiora i cento euro). Le influenze afro e psichedeliche del robusto e corposo brano sono ricche di enfasi e slancio, ma non cercate altre pagine così granitiche, la malinconia alberga nell’animo giovanile dell’autore, che preferisce sussurrare più che gridare.
Non è un peccato se il mellow-mood di “Rest” sembra già adulto e privo di mordente, non è la disperazione il fulcro emotivo di Kiwanuka, il soft-blues della splendida “Home Again” cattura questa splendida attitudine poetica e viaggia spedito verso il cult-status con un refrain memorabile.

Ogni traccia svela dettagli preziosi, il folk vocale di “Bones” è un mix di suggestioni da songwriter alla Paul Simon con inflessioni doo-wop alla Sweet Honey In The Rocks e “Always Waiting” gioca con gli elementi pop senza perdere smalto.
Tentazioni sinfonico-orchestrali notturne e sofferte delineano “I Won’t Lie”, per poi assumere timbriche nostalgiche e soleggiate nella melodia quasi evergreen di “Any Day Will Do Fine” che sembra uscire da un vecchio disco di Michel Legrand.
 
Kiwanuka possiede già elementi caratterizzanti che delineano il suo songwriting, il soul acustico di “I’m Getting Ready” e il brio psichedelico di “I’ll Get Along” hanno le giuste coordinate per appassionare un pubblico eterogeneo e conservano tutte le caratteristiche dei brani più famosi.
“Home Again” è un esordio maturo e ricco di personalità, quasi una versione maschile dell’esordio di Tracy Chapman, con piccoli classici destinati a marchiare indelebilmente le vicende dell’anno in corso, e se avete ancora dubbi porgete l’orecchio e l’anima alle splendide note conclusive di “Worry Walks Beside Me”, un blues il cui fascino e vigore non deve nulla alle grandi firme del passato e conferma tutte le buone credenziali del giovane londinese. Un brillante esordio.

Gianfranco Marmoro (www.ondarock.it)

Annunci

Entry filed under: News Musica, Recensioni Musica.

Warrior di Gavin O’connor ( dvd e b-ray ) This must be the place di Paolo Sorrentino ( dvd e b-ray )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
marzo: 2012
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Blog Stats

  • 133,475 hits

Commenti recenti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: