Lambchop – Mr. M ( cd – lp )

febbraio 17, 2012 at 6:25 pm 1 commento

Ci sono cose in natura che, seppur statiche e prevedibili, conservano il fascino della prima volta. L’aurora boreale, il sinuoso movimento di un gatto, un millenario baobab sono eventi che provocano sempre stupore, come un nuovo album dei Lambchop.
Non c’è elemento che indichi movimento o brio superficiale nelle tracce di “Mr. M”; l’undicesimo capitolo di inediti della loro discografia è un altro monolito della loro eterna sinfonia di mellow-country.
Restia al fascino immediato (fatta eccezione per l’esordio), la musica dei Lambchop penetra con calma tra le viscere mentali dell’ascoltatore, come già avvenne per il sublime “Nixon”.
Ma “Mr. M” contiene anche delle fascinazioni istantanee, frutto di una progettualità che permea nelle tessiture malinconiche e ispirate di Kurt Wagner.

Il ritorno discografico dei Lambchop convince e lascia il segno, grazie ai fattori stimolanti che lo hanno generato. Kurt Wagner deve aver infatti sognato di realizzare un album con Frank Sinatra, e come moderno Jobim ha sposato la sua saudade con il fascino del celebre crooner, con abili arrangiamenti che sorreggono senza enfasi le undici tracce (quindici nella versione limited in vinile). Dedicato anche alla prematura scomparsa dell’amico Vic Chesnutt, “Mr. M” sposta definitivamente l’asse sonoro verso arrangiamenti orchestrali che accantonano le chitarre e le tentazioni ritmiche.

Indolente quanto basta, il progetto svela subito le sue potenzialità nelle minimali note introduttive di “If Not I’ll Just Die”, per poi esplodere nelle complesse trame di “Gone Tomorrow”, che spinge verso la psichedelica tutto il patrimonio creativo di Kurt e soci, con intense partiture strumentali che rappresentano la vera novità del disco.
L’ipnotico incedere di “Mr. Met” rielabora uno stile consueto con suggestivi incursioni di viola e violini, che frantumano con grazia il fraseggio walking di acoustic bass e batteria. Abile racouteur di sentimenti, Kurt Wagner cede per la prima volta alla parola love, inserendola nel titolo di un brano “Never My Love”, dove la poesia dell’autore si distende su placide note di treated-guitar e sui cori di Cortney Tidwell, che conferma l’amicizia tra i due musicisti dopo i contatti avvenuti con il progetto Kort. “Mr. M”, è ancora una volta un album corale, le creazioni del produttore Mark Nerves, il ritorno del vecchio compagno di avventure Jonathan Marx, aggiungono calore e profondità a un suono familiare ma sempre avvincente.

La più ampia costruzione orchestrale, la presenza di alcuni episodi rimarchevoli sono motivo di entusiasmo per i numerosi fan del gruppo e vincono le resistenze di chi ha trovato le ultime avventure della band poco avvincenti. “Mr. M” apre le porte al romanticismo e alla contemplazione con un gusto quasi mitteleuropeo, che cita i Bathers in “Buttons” e “Gar” e ospita l’amore per la pittura che stava allontanando Kurt Wagner dalla musica. Averlo ritrovato è una bella notizia e non solo per i suoi fan.

Gianfranco Marmoro (www.ondarock.it)

Annunci

Entry filed under: Notizie.

Ruggine di Daniele Gaglianone ( dvd ) Ed Laurie – Cathedral ( cd )

1 commento Add your own

  • 1. acoustic guitar, click here  |  ottobre 18, 2012 alle 3:26 am

    Aw, this was an incredibly good post. Taking the
    time and actual effort to create a great article… but what can
    I say… I procrastinate a lot and don’t seem to get anything done.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
febbraio: 2012
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829  

Blog Stats

  • 137,394 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: