Liz Green – O, devotion! ( cd – lp )

gennaio 28, 2012 at 12:33 pm Lascia un commento

Cosa c’entra una mezzanotte di sogno parigina con un campo di grano in Alabama? Almeno tanto quanto una ragazza del Northwest dell’Inghilterra di ventisei anni può avere a che fare con Ella Fitzgerald. Messo così, il tutto pare un po’ confuso, è vero, ma “O, Devotion” di Liz Green è uno di quei dischi in cui l’esperienza musicale di una vita si condensa in qualcosa di estremamente personale.
Da anni promessa della scena inglese, fino alla consacrazione dell’invito di John Cale a suonare al concerto di tributo a Nico, Liz Green tira fuori un disco dalla spiccata teatralità, che le ha già attirato paragoni con “Hadestown” di Anais Mitchell.

Rispetto all’opera – in tutti i sensi – dell’autrice americana, “O’ Devotion” funge da piedistallo, in una grottesca serata di cowboy e damerini del primo Novecento, alla vocalità tepida della Nostra, interessante per quella vaga componente nasale, che la rende avvolgente come le spirali di fumo che aleggiano sulla musica del disco. Sono forse queste a causare il fruscio di sottofondo dovuto alla registrazione avvenuta presso i Toe Rag Studios, famosi per le registrazioni analogiche: francamente più fastidioso che altro. A parte questo, gli arrangiamenti sono centellinati: minimali arpeggi di acustica, e qualche incursione, un po’ gitana un po’ cabarettistica, di fiati, e il più è fatto.
Pur nelle tentazioni sudiste, blueseggianti della scrittura della Green (“Bad Medicine”), il prodotto ha una fisionomia del tutto particolare e del tutto aliena alle riproduzioni “sradicate” di altre giovani artiste inglesi. Non solo per lo spiccato accento della Nostra, “O’ Devotion” è un disco in tutto e per tutto britannico, pieno di arguzia e carisma; anche musicalmente qualcuno potrebbe ravvisare, a volte, l’algida severità della tradizione più albionica (“Hey Joe”, “Gallows”).

Manca, pur nell’eleganza e nella suggestione di tutti i brani di questo lavoro (il profumo di fiori di “French Singer”, gli scheletri danzanti di “Rag & Bone”, la gelida alba di “Ostrich Song”), un sussulto emotivo, che porti in dote qualcosa in più della rappresentazione pur convincente di “O’ Devotion”. Unica eccezione è, forse, “The Quiet”, la più umana delle canzoni del disco.
Con questo album, comunque, Liz Green mette il primo tassello di una carriera promettente, ma che deve ancora sbocciare.

Lorenzo Righetto (www.ondarock.it)

Annunci

Entry filed under: Notizie.

L’alba del pianeta delle scimmie di Rupert Wyatt ( dvd e b-ray ) Leonardo Cohen – Old ideas ( cd – lp )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
gennaio: 2012
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Blog Stats

  • 135,170 hits

Commenti recenti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: