Ben Howard – Every Kingdom ( cd – lp )

novembre 27, 2011 at 5:05 pm Lascia un commento

Ben Howard Every Kingdom Album Cover

Una montagna di oggetti lucidi e riflettenti si staglia fiera ai miei occhi: è una moltitudine di nuova musica su supporti digitali che chiedono ascolto e attenzione, una serie infinita di deja-vu ora piacevoli, ora noiosi, che scivolano nel lettore senza lasciar tracce e sedimenti.
La curiosità, unità all’ostinazione, mi aiuta a scorgere un barlume di luce nell’esordio di un giovane musicista del Devonshire. Ben Howard è uno cantautore pronto a sfidare l’anonimato della produzione contemporanea, grazie a un prezioso patrimonio tecnico che gli permette di rinnovare il fascino del fingerpicking
Bert JanschJohn Martyn Nick Drake hanno reso nobile tale arte, trascinando il folk verso nuovi orizzonti poetici, e Ben Howard, con il suo album “Every Kingdom”, rinnova i flussi creativi contaminandoli non solo di blues e jazz, ma anche con materie apparentemente meno nobili come il pop, il surf e il beat.
Canzoni fragili e a volte irruente, che non mostrano tutta la luce che possiedono, se non dopo attenti ascolti. Ben Howard mette in sequenza graziose ballate dallo stile asciutto e incisivo: “Old Pine” introduce l’ascoltatore nel suo mondo poetico che incontra Joni Mitchell, David Gray e John Martyn senza nessun cedimento armonico, in un suono che arriva diretto al cuore e alla mente senza compromessi.

Tra vivaci ingenuità folk-pop (“Only Love”), introspettivi frammenti acustici (“Diamonds”), appassionanti incursioni beat (“The Wolves”) e raffinati acquerelli dalle timbriche pastorali (“Gracious”) si librano strutture complesse, che edificano nota su nota un castello sonoro imponente, nel quale confluiscono psichedelia, blues e prog e generano la preziosa “Black Flies”.

La passione per il surf e le terre del Devonshire sono il seme di “Keep Your Head Up” e “The Fear”. Ben Howard esibisce padronanza di stili diversi creando canzoni aliene al panorama del songwriting moderno: ogni brano è frutto di elaborate costruzioni armoniche, accordi che fanno impallidire i cultori del folk-blues. Il minimalismo del riff di “Everything” nasconde una struttura artigianale di rara bellezza, uno strano incanto si impossessa dell’ascoltatore togliendo fiato.
Anche le bonus track incluse nella edizione limitata sono affascinanti: “Empty Corridors” e “I Will Be Blessed” possiedono la verve adatta per diventare dei classici delle esibizioni live.

Ben Howard non è un innovatore, ma il suo approccio avventuroso gli permette di aggiungere alcune pagine interessanti al patrimonio folk-rock con una cascata di sfolgoranti accordi. Il suo è puro talento, che intinge finger-picking e spunti gothic in un immenso mare lirico, creando una pagina conclusiva, “Promise”, che scorta l’album verso un incantevole crescendo che stordisce e suona più di una promessa.

Gianfranco Marmoro (www.ondarock.it)

Annunci

Entry filed under: News Musica, Recensioni Musica.

Diario di una schiappa di Thor Freudenthal Hanna di Joe Wright ( dvd e b-ray )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
novembre: 2011
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Blog Stats

  • 134,540 hits

Commenti recenti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: