Owen – Ghost town ( cd – lp )

novembre 19, 2011 at 12:27 pm 3 commenti

Mago delle tinte pastello, prestigiatore dei sentimenti, illusionista del cuore: non finirebbero mai le qualifiche stregonesche di Mike Kinsella, da anni camuffato sotto il pastrano a nome Owen. Ormai contrassegnato da segni distintivi inequivocabili – i delicati arpeggi di acustica, distesi sulla voce appena increspata di Mike – il cantautore americano ha dalla sua una carriera troppo onorata per abbandonarsi lentamente a una produzione di maniera.
Con questo “Ghost Town”, suo sesto disco, Kinsella rinserra le fila del proprio cantautorato, inarcandolo all’insegna di una varietà strumentale di grande estro, di arrangiamenti e composizioni memori del suo passato math (American Football) ed emo (Cap’n Jazz, che si sono riuniti giusto l’anno scorso).

Un disco talmente ricco da esaltare la mano degli ingegneri del suono di OldhamIron and Wine, anche se  i nomi citati non potrebbero essere più lontani dalla strada scelta da Kinsella, in questo “Ghost Town” in particolare. Scorci math, appunto, nell’epica – per una canzone di Owen – “No Place Like Home” e nel pop alla Death cab for cutie di “Everyone’s Asleep In This House But Me”, per un disco votato decisamente all’acustico, dopo le escursioni anche elettroniche del precedente “New Leaves”.
La più convenzionale, decisamente reminiscente dello struggente “At home with Owen“, è la canzone dedicata alla figlia di Kinsella (“O Evelyn…”), la cui recente nascita è un po’ il perno intorno al quale si snodano i temi di questa “città fantasma” di Owen, estendendosi da una trasfigurazione-florilegio della maternità (“Mother’s Milk Breath”) al rapporto col padre scomparso (“You know I’m still pissed after a life tempestuous/ Unless you can rise from the dead, I’ll die like this”, canta il Nostro in “No Language”).

Fantasmi, presenze la cui esistenza ancora irrisolta aleggia intorno alla vita di Kinsella e che riempiono le pagine dell’album, agitandone le acque in moti inaspettati ma controllati, anche quando tutto sembra stridere in un sussulto che sembra abbracciare vivi e morti (la distorsione dell’assolo finale di “Everyone Is Asleep In This House But Me”).
Dentro a questi straripanti sentimenti, a questa sorta di resa dei conti sentimentale, Owen incrocia saldamente su rotte di sogno e improvvisi addensarsi di nubi; di questo carattere ondivago della meteorologia del disco è emblema “I Believe”, che parte in forma di mantra e si accende di una tempesta elettrica nel suo bel mezzo.

In “Ghost Town” Mike Kinsella si distanzia insomma dall’immagine di cantautore sensibile e dimesso, che cominciava ormai a “precederlo” in modo preoccupante, soprattutto a seguito dello scorso “New Leaves”. Con un balzo di intensità forse inaspettato, il Nostro riesce invece a illuminare una carriera di acuita personalità, che gli prefigura un futuro cantautorale ora assai più promettente.

Lorenzo Righetto (www.ondarock.it)

Annunci

Entry filed under: News Musica, Recensioni Musica.

The tree of life di Terrence Malick ( dvd e b-ray ) The Walkabouts – Travels in the Dustland ( cd – 2lp )

3 commenti Add your own

  • 1. begado online casino  |  giugno 29, 2013 alle 10:48 am

    I am letting you know at the moment, there’s nothing a whole lot worse when compared with buying a some of an kind, having the dealer certainly not qualify and seeing your major pay day advance rise in fire. Contrary to lots of the commercial programs, begado online casino websites as well as internet marketer software programs offer you his or her affiliate marketers a percentage of an players funds produced, rather than easy tiny just one down repayment.

    Rispondi
  • 2. binary  |  luglio 13, 2013 alle 6:06 am

    There are usually many kinds involving opportunities that your person may want to be involved
    in. While different websites might try and seriously an individual along with large
    payouts along with small limitations, merely
    binary will give you the alternative to really cash in
    on binary. binary additionally provides investors the opportunity to go for
    his or her VIP plan gives one of a kind added
    signup bonuses no cost, such as constant changes and workout sessions along with skillfully developed.
    Having up to 89% upon every single industry you can begin getting along with binary from the earliest buy and sell.

    Rispondi
  • 3. Desert Nights online slots  |  luglio 17, 2013 alle 1:55 pm

    In no way begin playing once you type in a Desert Nights online slots.

    Regarding beginning gamers though, it requires somewhat more compared to managing easy math concepts principals such as standard inclusion, combined with a new shrewd
    remark regarding human being behaviour in addition to a little
    technique to discover this credit card sport involving blackjack.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
novembre: 2011
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Blog Stats

  • 132,565 hits

Commenti recenti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: