Archive for aprile 24, 2010

Ballakè Sissoko & Vincent Segal – Chamber music ( cd )

Ballaké Sissoko proviene da una famiglia griot del Mali. I griot sono poeti/cantori che hanno il preciso compito di conservare la tradizione orale degli antenati. Fin da bambino lo strumento del cantore Ballaké è sempre stato la kora, lo stesso di Toumani Diabaté, con il quale ha inciso celebri duetti.

Vincent Segal è un violoncellista francese. Pur provenendo da una formazione classica, ha sempre condotto ricerche sperimentali sul proprio strumento. Questa volontà l’ha portato ad affiancare gli artisti più svariati (da Sting a George Moustaki a Blackalicious)  

Chamber music” non fa altro che unire questi due opposti. La musica diventa una forza invisibile in grado di far avvicinare due magneti con poli uguali. Non è neanche una questioni di titoli, di canzoni o cos’altro. Qui ci sono solo vaghi richiami, attimi di delizia sospesa, sentori d’Africa e vibrazioni da Classica contemporanea. Sperimentalismo metropolitano e tradizione del deserto. Qui non c’è più “noi” e non c’è più “loro”. Qui non c’è più niente che non sia collettivo, raccolto, profondo, cardiaco.

Basta sollevare la puntina del giradischi e farla ricadere su un solco qualsiasi. Le strutture circolari di “Houdesti” (impreziosite dal suono del balafon di Fassery Diabaté), i virtuosismi di “Oscarine”, i silenzi solenni di “Histoire de Molly”. In ogni minuto di “Chamber music” si percepisce il connubio potente tra la ferma ispirazione di Sissoko e la spinta deviante di Segal. Proprio il francese, con il suo stile ricco ma mai troppo presente, dona linfa melodica alle strutture complesse di Sissoko, creando un viatico accessibile anche a quella sensibilità europea che difficilmente riesce ad apprezzare la musica tradizionale africana (a partire dallo stesso Toumani Diabaté).

E se ancora permanesse qualche malagevolezza, la voce di Awa Sangho (che rende “Regret – à Kader Barry” il pezzo più “concreto” dell’album, con il violoncello a creare nuvole che potremmo definire da “folk appalachiano”) e il finale affidato ad una calda, dolorosa e notturna “Mako Mady” faranno tremare le gambe anche ai più insensibili.  

“Abbiamo costruito una complicità reciproca passo dopo passo. Oggi, quando suoniamo, ci capiamo senza dover dire una sola parola: basta uno sguardo. I nostri cuori sono uniti” . Ballaké Sissoko.

Fabio codias ( www.storiadellamusica.it)

aprile 24, 2010 at 4:54 pm 2 commenti


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
aprile: 2010
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Archivi

Blog Stats

  • 155.118 hits