Tom Waits – Glitter and doom live ( 2cd – 2lp )

novembre 28, 2009 at 11:53 am 1 commento

Lo zio Tom non ama quel ch’è facile e squadrato, e quindi sapete che banalità “un nuovo disco in studio”. Meglio il trovarobato di pezzi sparsi come fu per Orphans o l’accostamento bislacco di materiali diversi come in questo caso, con un CD di registrazioni dal vivo dal tour 2008 e un altro di sketch sempre in scena, le storie beffarde e surreali che Tom Waits ama raccontare quando durante lo show tira il fiato e, accomodato al pianoforte, intrattiene la platea.

Il live musicale è giusto quello che promette la réclame, “un uomo morto che canta per la propria vedova; le ultime parole di un condannato a morte; una danza sbilenca; il suono di un mangiatore di spade che si lamenta o di un pirata che si dà delle arie”. Waits inizia e termina sbraitando, in un melmoso paesaggio di jazz blues in disfacimento e versi deformati dalla chirurgia plastica di una mente iper eccitata, ma guai ad arrendersi alla brusca apparenza e a non gustarsi tutti i cambi di scena, le lune, i soprassalti romantici o sarcastici, i folgoranti dubbi di un artista che a 60 anni ormai quasi compiuti (mancano pochi giorni) continua a essere Tom Waits più che a fare il Tom Waits, come i superficiali potrebbero equivocare. Bel repertorio di pezzi della maturità e accurato montaggio di show differenti, 10 per 17 brani complessivi – il sarto ha lavorato bene, la cucitura non si vede e l’ascolto fila liscio.

Il CD dei Tom’s Tales (disponibile in download gratuito anche per i feticisti che acquisteranno il vinile) è una chicca per iniziati, nel cuore del surreale mondo che Tom ha creato negli anni. Uno zibaldone di meditazioni sui lati oscuri o buffi della vita, con un tono sospeso tra Frank Zappa, Jannacci e il David Byrne di True Stories, con un violento gusto di sorpresa e paradosso: dove si parla volentieri di animali ma anche di Armstrong e Aldrin sulla luna, delle incredibili leggi dell’Oklahoma, di depositi bagagli e del perchè si usa mangiare il pesce con il limone. Parafrasando quel libro: “storia (molto) breve di (quasi) tutto quanto”.

Riccardo Bertoncelli

http://www.delrock.it

Annunci

Entry filed under: Notizie.

Si può fare di Giulio Manfredonia ( dvd ) I love radio rock di Richard Curtis

1 commento Add your own

  • 1. nella  |  novembre 29, 2009 alle 9:11 am

    una perla indimenticabile, che non deve e non può mancare agli adoratori dello straordinario Tom…Sing Tom sing, always sing for us…and enjoy the music….

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
novembre: 2009
L M M G V S D
« Set   Dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Blog Stats

  • 137,394 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: