Iron & Wine – Around the well ( 2cd – 3lp )

giugno 15, 2009 at 11:01 am Lascia un commento

Come si può riuscire ad accumulare la bellezza di ventitre brani extra, con appena tre album all’attivo (ed il quarto solo in programma), per tirarci fuori una collezione di b-sides e rarità? Impresa difficile per molti ma non per tutti, dato che Samuel Beam – al secolo Iron & Wine – non sembra soffrire di quei periodi di stanca che, volenti o nolenti, un po’ tutti gli artisti sono costretti ad attraversare fra una pubblicazione e l’altra. E così, dopo “The Shepher’s Dog” del 2007, eccolo di nuovo sugli scaffali dei negozi il cantautore della South Carolina, con un album, questo Around The Well, che solo colpevolmente può essere definito una raccolta di materiale di “scarto”. Organizzato in due cd, “Around The Well” contiene infatti una selezione di tracce rimaste fuori dai precedenti lavori, supponiamo più per motivazioni di “traffico” nelle tracklist che per reale demerito. Gran parte dei brani provengono direttamente da sessioni di registrazione per così dire “casalinghe”, inizialmente accantonati da Beam per essere ripresi all’occorrenza, ripresentati così com’erano nati, sporchi laddove erano sporchi, acerbi in alcuni momenti ed annacquati perchè ancora da sottoporre a “revisione”. Ma nonostante ciò (o forse ancor di più proprio per questi motivi) trasognati ed umorali, così come Iron & Wine ha abituato chi ha imparato a seguirlo nelle sue scorribande indie-folk. Se è vero, poi, che in entrambi i cd non si riesce a scorgere una canzone meno ispirata delle altre, è vero anche che pezzi come Hickory, Swans And The Swimming e Carried Home non faticano a lasciare il segno. Per non parlare delle vere “chicche” di “Around The Well”. Sacred Vision, infatti, è un vecchio brano, fra i primi della produzione di Samuel Beam, mentre Waitin’ For A Superman e Love Vigilantes sono due (riuscitissime) cover, rispettivamente di The Flaming Lips e New Order. A completare il quadro, una manciata di tracce scritte per la soundtrack di “In Good Company”, pellicola del 2004: Belated Promise Ring, God Made The Automobile e Homeward These Shoes, create ma poi non inserite nella colonna sonora ufficiale, e The Trapeze Swinger che, invece, ha trovato miglior fortuna rientrandovi. E proprio quest’ultimo brano, posto a conclusione dell’intero “Around The Well”, è un po’ la chiave di volta di tutto il lavoro, perchè contiene il verso che dà il titolo all’album e perchè – nonostante gli oltre nove minuti di durata – rappresenta un po’ la summa sonora della musica di Iron & Wine, con la delicatezza vocale del songwriter a pervadere ogni singola nota. Siamo sicuri si tratti di un’operazione collaterale, di un puro e semplice divertissement?

Annunci

Entry filed under: News Musica, Notizie, Recensioni Musica.

The Millionaire di Danny Boyle ( dvd ) Iggy Pop – Preliminaires ( cd )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
giugno: 2009
L M M G V S D
« Mag   Lug »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Blog Stats

  • 133,476 hits

Commenti recenti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: