Bruce Springsteen – Working on a dream ( cd – cd+dvd – 2lp )

gennaio 27, 2009 at 4:53 pm 2 commenti

Siccome l’ultimo Springsteen l’hanno già recensito tutti, mi prendo il tempo di ascoltarlo tranquillamente e senza patemi. Non è comunque un disco minore, è uno Springsteen importante, che riprende la storia interrotta dei suoi dischi classici. Insomma: mi piace.     Nel giro di qualche ascolto attento credo di averlo messo a fuoco. Non è un disco anni sessanta, come si raccontava. È un disco lirico. Come lo è stato trentacinque anni fa Born To Run. Quello era il canto dell’uomo all’alba che esplodeva verso la propria vita. Questo è il canto, bucolico, dello stesso uomo che oggi si sente più vicino al tramonto, che si siede nel portico della sua bella casa colonica a Woodstock, guarda le stagioni passare, ricorda gli amici che non ci sono più e canta la malinconica gioia del tramonto. Non è un caso che sotto i titoli di coda del disco scorra la musica di The Wrestler. Non è un caso che la band sia sommersa da cinematografici arrangiamenti orchestrali. È un bel disco, intimo ma allo stesso tempo aperto alle orecchie di chi lo circonda.

Blue Bottazzi

Annunci

Entry filed under: News Musica, Recensioni Musica.

Joe Strummer: il futuro non è scritto – Julien Temple ( dvd ) Lou Reed Berlin ( dvd )

2 commenti Add your own

  • 1. Simone  |  gennaio 29, 2009 alle 12:09 am

    Si WOAD è un bel disco, lirico, a volte impetuoso(My Lucky Day,Good Eye), ma non rock. E questo è forse quello che spiazza chi, come me, dopo aver visto dal vivo quanto potenti siano ancora questi ragazzi del Jersey, si aspetta di sentire di nuovo su cd chitarre fiammeggianti, tastiere fluide e vorticose, batteria pressante e cosi via. No, non è così, Professor is on the edge, così come Max, le chitarre ogni tanto fanno capolino, Big Man ogni tanto..tanto appare, tutti immersi nel gran magma sonoro creato da O’Brien, che però qui, a differenza di Magic, è sviluppato molto meglio, ed infatti alla fine piace, nonostante quegli archi che in alcuni momenti sono veramente eccessivi.E poi su tutto c’è la gran voce di Bruce, mai così bella, profonda ed espressiva come ora. Insomma Bruce, good job, e per il rock suonato come solo tu e la band sapete fare, ci vediamo quest’estate.Ah perdonato per la “citazione” dei Kiss in Outlaw Pete

    Rispondi
  • 2. crisgras  |  febbraio 1, 2009 alle 5:38 pm

    Purtroppo è da anni che Springsteen ha esaurito l’ispirazione e WOAD è l’ennesimo disco “inutile” alla sua discografia. Certo, è migliore di quella bestialità che era Magic…ma non ci voleva molto.

    Anche Working on a Dream, comunque, viaggia dalle parti di Magic. Stavolta il produttore Brenda O’Brien si è ricordato che Springsteen non ha 20 anni ma 60, e la produzione è meno “ggiovane” e pop. In compenso, il tutto è più pomposetto e retorico.

    Il problema però è sempre quello: i pezzi del Boss. Pezzi che, da giovane, avrebbe buttato nel cesso con la sua selettività di un tempo. Insomma, sono le solite canzoni già sentite mille altre volte, dunque banali e totalmente inutili. Ad eccezione di Outlaw Pete, brano iniziale di 8 minuti, ascoltabile anche se non riuscito del tutto, e Good Eye, l’unica canzone degna di nota dell’album, un blues acido e d’impatto che stona con tutto il resto dell’album di melassa.

    Ma nessuna tristezza. E’ normale per tutti fare album pessimi o – ribadisco – inutili col passare dell’età anche se in passato si sono realizzati vari capolavori. Speriamo in una futura minore incontinenza musicale del Boss e in una ricerca di un produttore adatto a lui. Qualcuno ha detto Rick Rubin?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
gennaio: 2009
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Blog Stats

  • 134,546 hits

Commenti recenti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: