Hellsongs – Hymns in the key of 666 ( cd – 2lp )

ottobre 31, 2008 at 8:53 pm Lascia un commento

Nota dopo nota, la voce di Harriet, il piano di Johan e la chitarra di Kalle ti sollevano da terra e ti depositano dolcemente su quel morbido giaciglio che solo la buona musica sa costruire. Canzone dopo canzone si viene conquistati e non è solamente l’effetto ricostituente e taumaturgico della musica quello che si prova. Queste canzoni possiedono l’indefinibile magia che divide le semplici canzoni dalle belle canzoni. Durante il rapito ascolto di “We’re not gonna take it”, una distratta occhiata alla track list impietrisce: ciò che l’interpretazione del terzetto ha stravolto e mascherato non può essere celato leggendo i titoli dei brani. Scatta l’allarme rosso e ci si dirige decisi su Google dove è bandita la privacy, dove nulla è tenuto nascosto.
In un attimo si scopre che i tre ragazzi svedesi portano avanti un progetto che essi stessi definiscono lounge metal. I dieci brani che compongono l’album sono pescati nella vasta discografia di Iron Maiden, Ac/Dc, Metallica, Twisted Sisters, Slayer, Megadeth ma rivisitati da par loro. L’idea di proporre in chiave semi acustica e indie pop classici dell’hard rock non è male, ma quello che conta – al di là delle etichette e delle generalizzazioni – è il risultato finale. Qui è veramente buono.
Symphony of destruction” è semplicemente perfetta, una irresistibile sinfonia boogie che, fossero in competizione tra loro le cover di questo cd, premieremmo con il gradino più alto del podio. Le versioni di “The trooper” e “Run to the hills” sfidano orgogliose gli Iron Maiden riuscendo a non soccombere. “Seasons in the abyss” ci consiglia di chiudere gli occhi e, cullati da voce e piano, ci pare il miglior consiglio possibile da decenni a questa parte. “Thunderstruck” è tanto delicata e sinuosa quanto era diretto e deciso l’originale degli australiani Ac/Dc.
Hymns in the key of 666” è un album di cover che esalta gli originali riuscendo a vestirli con nuove stole e nuovi colori. Spesso il mondo dell’hard rock e, soprattutto, quello del metal preferisce chiudersi o viene rinchiuso in squallide riserve, il merito degli Hellsongs è quello di gettare un ponte, oltrepassare il canyon ed entrare in queste riserve che nascondono tesori. E quando dalle cuffie anche l’ultima nota si è esaurita, anche noi, ancora una volta, complice la musica, abbiamo attraversato il nostro personale canyon di malumore e malinconia e siamo restituiti alle umane facezie.

Annunci

Entry filed under: Consigliato da Antonio, Consigliato da Oreste, News Musica, Recensioni Musica.

Jolie Holland – The Living and the Dead ( cd – lp ) Amos Lee – Last days at the lodge ( cd – lp )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
ottobre: 2008
L M M G V S D
« Set   Nov »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Blog Stats

  • 134,536 hits

Commenti recenti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: