Archive for ottobre 7, 2008

L’aria serena dell’ovest di Silvio Soldini ( dvd )

Locandina L'aria serena dell'OvestIl giovane cinema italiano ha varie scuole, varie personalità, persino vari stili di vita dei suoi protagonisti. C’è chi ama apparire e chi invece coltiva un atteggiamento schivo e riservato nel suo lavoro, come fuggendo da clamori che sembra temere. Silvio Soldini mi sembra uno di questi. Io ho scoperto questo suo film, L’aria serena dell’Ovest, quasi per caso, attirato dal titolo e dalla giovane età del regista. E forse anche dal fatto che veniva da quella strana città di cinema che è Milano. Da quel modo di raccontare distaccato e freddo al quale ci hanno abituato molti registi formatisi in quella città difficile. Ricordo che rimasi molto colpito da questa storia immersa nell’Italia degli anni Ottanta. Un film severo, per nulla furbo, carico di una «moralità» in quei tempi assai rara. Una storia rigorosa, formalmente assai misurata ma piena di tensione narrativa, con un crescendo che rende la seconda parte una delle pagine più belle della recente storia del cinema italiano. C’è anche un attore straordinario, per faccia e intensità, che si chiama Ivano Marescotti. Non molti hanno visto questo film, quando uscì, ed è un peccato. È uno di quei casi in cui la vittima, il cinema, deve persino ringraziare l’aguzzino, la televisione.

Walter Veltroni
Da Certi piccoli amori. Dizionario sentimentale di film, Sperling & Kupfer Editori, Milano, 1994

ottobre 7, 2008 at 5:36 PM Lascia un commento

John Matthias – Stories from the watercooler ( cd )

Ha diviso il palco con Thom Yorke (futuro Radiohead) in una rock band ai tempi della scuola; sono suoi i violini in The Bends, il secondo album del gruppo di Oxford; l’album di debutto Smalltown Shining è stato prodotto da Herbert per la sua Accidental Records, mentre i Coldcut lo hanno coinvolto in “Man In A Garage”, una traccia del loro ultimo album.

Adesso John Matthias ci presenta Stories From The Watercooler il nuovo disco per la Counter, sub label della Ninja Tune. Un campionario di strumenti musicali come il banjo, l’armonica, il clarinetto, i violini con l’aggiunta di qualche sperimentazione elettronica fanno da cornice alla sua voce, calda e profonda regalandoci 12 composizioni dai connotati folk-pop-rock nei quali, variando le dosi degli ingredienti, abbiamo ora eteree ballate neo folk ora brani più energici ed incalzanti nei quali prevale la sua anima pop-rock .

ottobre 7, 2008 at 4:45 PM Lascia un commento

In Bruges di Martin McDonagh ( dvd )

Ray e Ken, due killer di professione, giungono a Bruges nel Belgio. Li ha inviati lì il loro boss Harry dopo che un omicidio non è andato nel modo programmato. Ora i due debbono attendere disposizioni in una città che loro, irlandesi, non avevano mai visitato e che Ray disprezza. Mentre Ken, non solo per ingannare il tempo dell’attesa, decide di girare per le sue strade e ammirare le opere d’arte che musei e chiese racchiudono, Ray si chiude in una sorta di resistenza passiva. Ma sarà Chloe, una ragazza incontrata per caso e che ha qualche angolo oscuro nella sua vita, che farà uscire il giovane irlandese dalla sua indifferenza mettendolo in contatto con un mondo sconosciuto che non può però far velo a un’attesa che implica comunque la morte di qualcuno. (altro…)

ottobre 7, 2008 at 11:57 am Lascia un commento


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
ottobre: 2008
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Archivi

Blog Stats

  • 181.706 hits