Afterhours – I milanesi ammazzano il sabato ( cd )

giugno 11, 2008 at 10:16 am 2 commenti

Anticipato da un’inedita attività promozionale (ovvero 2 singoli fatti girare sotto forma di video e pubblicati, insieme ad altre tracce, nell’ep “Le sessioni ricreative”), “I milanesi ammazzano il sabato” arriva dopo le due versioni di “Ballate per piccole iene” e la relativa avventura della tournée estera che ne è seguita. Quattordici tracce che rappresentano la cosa più lontana che si potesse immaginare dopo il parto gemellare italo/anglofono, probabilmente perché Manuel (con tutta la band) riprende saldamente il controllo delle operazioni, pur avendo assortito un parterre di ospiti che arricchisce la tavolozza di colori.

Continua….. (fonte: http://www.rockit.it/pub/r.php?x=7434)


C’è poi il nuovo acquisto Enrico Gabrielli, già in squadra da oltre un anno, il quale si ritaglia lo spazio concessogli nel migliore dei modi, architettando arrangiamenti fiatistici di prim’ordine. Con tutti questi presupposti non poteva non venir fuori un album pienissimo, che traccia dopo traccia cambia “umore” senza però mai toccare sfumature solari sullo stile di “Bianca” o “Non è per sempre” (eccezion fatta, al limite, per “Riprendere Berlino“, a tutti gli effetti il primo singolo spedito ai network). Altri due aspetti contraddistinguono fortemente questo lavoro: uno è di certo la paternità – quanto la (contrastata?) vita di coppia (“Musa di nessuno”) – di Manuel che fa più volte capolino nei testi fino alla splendida ninnananna finale intitolata “Orchi e streghe sono buoni”, mentre l’altro riguarda – ancora una volta e sempre più prepontemente – questo infinito (e giustamente impietoso!) ritratto di Milano, alimentato dal rapporto di amore/odio (espresso fin dal titolo e di cui già conoscerete ogni singolo dettaglio in merito all’ispirazione) che continua a ricoprire un ruolo centrale nelle tematiche della band (“Tema: la mia città“).

Ma oltre ad essere il disco più umorale, “I milanesi ammazzano il sabato” è forse il lavoro in cui la band si apre a nuovi orizzonti su suoni e arrangiamenti, sintetizzando al meglio il percorso compiuto fino ad oggi. La scelta di integrare Enrico Gabrielli risulta infatti più che (con)vincente: le canzoni acqistano molto sul piano della dinamicità e quello di di aggiungere i fiati non risulta un semplice capriccio ma una scelta ponderata e consapevole: “E’ solo febbre”, il primo estratto in assoluto, ne è la dimostrazione più efficace, mentre a chi pensava ancora agli Afterhours come una band che avrebbe messo definitivamente in cantina lo spirito più tipicamente rock, troverà diverse sorprese durante l’ascolto. Oltre, infatti a “Pochi istanti nella lavatrice” (sì, è vero, deve molto agli Stooges ma si ascolta che è un piacere), a rincuorare i più nostalgici ci sono tracce come “E’ dura essere Silvan“, “Tutti gli uomini del presidente“, “Neppure carne da cannone per Dio” e “Tutto domani“.
Al di là di ogni aspettativa è invece “Tarantella all’inazione“, riuscitissimo esperimento in cui il gruppo si allontana da tutti i possibili schemi previsti e ripesca archetipi folk come furono tradotti negli anni settanta per reimpiantarli in una canzone del 2008. Il risultato è da applausi e il primo pensiero va alle esecuzioni dal vivo del brano, potenzialmente infinite.
Un lavoro che di certo piacerà tanto ai fan oltranzisti quanto ai nuovi adepti, ricco di sfumature a tratti improbabili – e forse affascinante proprio per questo motivo – a confermare la grandezza di una band che sa rigenerarsi per continuare a soprendere.

Fonte: http://www.rockit.it/pub/r.php?x=7434

Entry filed under: News Musica, Recensioni Musica.

Calexico – Carried to dust ( cd – lp )

2 commenti Add your own

  • 1. Alessandro  |  settembre 25, 2008 alle 9:54 am

    Rimane un gruppo antipatico e arrogante, come il suo leader del resto, ma forse uno dei più interessanti nel panorama italiano. Meno convincente del precedente, più ambizioso e infatti meno riuscito, non sempre le liriche appaiono centrate e alcuni testi infatti sono alquanto forzati e superflui…

    Rispondi
  • 2. Angelo  |  settembre 25, 2008 alle 7:28 PM

    Amo gli Afterhours da sempre e credo siano una delle migliori rock band italiane degli ultimi 20 anni, ma su questo disco sono abbastanza d’accordo con Alessandro. Ammiro però Manuel Agnelli che cerca di cambiare pelle ad ogni disco, a volte riuscendoci bene a volte un pò meno. In ogni caso dal vivo sono sempre una band incredibile e come si suol dire SPACCANO. Certo i tempi del tour Germi sono lontani, però sono sempre una delle migliori band di rock alternativo italiano in circolazione.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Iscriviti al gruppo Alphaville su Facebook
Vista il sito dell'Associazione CINEROAD
Videosettimanale telematico di attualità e cultura
il suono degli strumenti
giugno: 2008
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Archivi

Blog Stats

  • 180.063 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: